Economia

"Contratto nazionale scaduto da 22 mesi", i lavoratori della logistica protestano all'Interporto

Manifestazione anche a Bari nell'ambito della giornata di sciopero nazionale indetta da Cgil, Cisl e Uil: "Vogliono toglierci la quattordicesima e aumentare le ore lavorative"

Sit-in di protesta, questa mattina all'Interporto di Bari, per i lavoratori del settore logistica e merci, nell'ambito di una giornata di sciopero nazionale, promossa da Cgil, Cisl e Uil. Sono circa una sessantina i manifestanti che chiedono certezze su un rinnovo contrattuale atteso da troppo tempo, denunciando il rischio di un taglio dei propri diritti. In tutta la Puglia sono oltre 38mila i lavoratori della logistica con circa 7600 aziende di cui 904 cooperative: "Si tratta di un settore - spiegano Maria Teresa De Benedictis, Franco Spinelli ed Enzo Boffoli, rappresentanti di Filt Cgil, Fit Cisl e Uil Trasporti regionale - dove vi sono illegalità diffuse, cooperative spurie, padroncini e talvolta senza il rispetto della retribuzione base. Eppure è un ambito in espansione".

"Voglio toglierci quattordicesima e aumentare ore lavorative"

"Il rinnovo del contratto - aggiungono - è bloccato da 22 mesi e le aziende chiedono di togliere la quattordicesima e di passare da 39 a 40 ore lavorative settimanali, non aumentando a livello contrattuale le retribuzioni. Riteniamo siano richieste inaccettabili. E' un settore fondamentale per l'economia italiana e chiediamo al governo di chiudere la fase contrattuale. Nello sciopero di oggi abbiamo coinvolto poco le maestranze perché le aziende, di fatto, hanno messo in condizione i lavoratori di non partecipare".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Contratto nazionale scaduto da 22 mesi", i lavoratori della logistica protestano all'Interporto

BariToday è in caricamento