rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Economia

Spiragli per la vertenza Baritech: spunta una nuova ipotesi per la reindustrializzazione. Uil: "Attenzione alta in attesa di risultati concreti"

Martedì l'incontro con la task force regionale, nel corso del quale sarebbe emersa una ipotesi di riconversione del sito legata al settore farmaceutico. A darne notizia i rappresentanti Uil Toma e Lupelli che però avvertono: "Attenzione alta fino all'incontro con i soggetti interessati"

Sembra aprirsi un nuovo spiraglio per la vertenza Baritech, che coinvolge circa 150 lavoratori. Nell'ultimo incontro in Regione, tenutosi nella giornata di martedì 2 agosto, sarebbe emersa una nuova possibilità per la reindustrializzazione del sito. 

A renderlo noto è la Uil Puglia, spiegando però che "l'attenzione resta alta" in attesa di risposte concrete. "Siamo moderatamente soddisfatti, ma certamente non si può dire che ci sia la famosa luce in fondo al tunnel: ecco perché non allenteremo l’attenzione finché non registreremo risultati tangibili e stabili", commentano Andrea Toma, segretario regionale della UIL Puglia con delega all’industria e Filippo Lupelli, segretario generale della UILTEC Puglia, che parlano di "spiragli su una possibile reindustrializzazione del sito legati al settore farmaceutico".

"Tuttavia – spiegano i due segretari – è opportuno attendere la riunione con il soggetto industriale interessato per trarre fare le prime valutazioni. Intanto, in considerazione del ricorso all’ammortizzatore sociale di cassa integrazione a zero ore, abbiamo chiesto al presidente della task force regionale, Leo Caroli, di programmare per i lavoratori Baritech politiche attive utili a favorirne il reintegro nel mondo del lavoro".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spiragli per la vertenza Baritech: spunta una nuova ipotesi per la reindustrializzazione. Uil: "Attenzione alta in attesa di risultati concreti"

BariToday è in caricamento