Mercoledì, 23 Giugno 2021
Elezioni comunali 2011

Elezioni comunali 2011: quando il voto può essere annullato

I casi di nullità del voto possono essere di diverso tipo, e cambiano a seconda che si tratti di comuni sino a 15.000 abitanti o superiori a 15.000 abitanti. Nei comuni più piccoli, ad esempio, un tipico caso di nullità della scheda è rappresentato dal voto disgiunto

In linea generale, l’art. 69, primo comma, del testo unico n. 570/1960, stabilisce che la validità dei voti contenuti nella scheda deve essere ammessa ogniqualvolta se ne possa desumere la volontà effettiva dell’elettore.

Nel corso dello scrutinio delle schede votate possono verificarsi diverse specie di nullità, che variano a seconda che si tratti di comuni superiori a 15.000 abitanti o sino a 15.000 abitanti.

In generale possono presentarsi tre casi di nullità:

1) schede nulle;
2) schede contenenti voti nulli limitatamente alle liste, ma validi per i candidati alla carica di sindaco (solo per i comuni superiori a 15.000 abitanti)
3) schede contenenti voti di preferenza nulli.

1) Schede nulle non contenenti alcun voto.
Si ha la nullità totale della scheda nei seguenti casi:
a) quando la scheda – tanto nell’ipotesi che sia stata votata in maniera da non lasciare dubbi circa l’intenzione dell’elettore di preferire un determinato candidato alla carica di sindaco o una determinata lista di candidati alla carica di consigliere, quanto nell’ipotesi che non contenga alcuna espressione di voto– presenti, però, scritture o segni tali da far ritenere, in modo inoppugnabile,che l’elettore abbia voluto far riconoscere il proprio voto;

b) quando la scheda – tanto nell’ipotesi che sia stata votata in maniera da non lasciare dubbi circa l’intenzione dell’elettore di preferire un determinato candidato alla carica di sindaco o una determinata lista di candidati alla carica di consigliere, quanto nell’ipotesi che non contenga alcuna espressione di voto – non sia però conforme al modello predisposto e fornito dal Ministero dell'Interno, oppure non porti il bollo della sezione o la firma dello scrutatore così come previsto dalla legge.

c) quando la volontà dell’elettore si sia manifestata in modo non univoco e non sussiste quindi alcuna possibilità, nemmeno attraverso il voto di preferenza, di identificare né il candidato alla carica di sindaco né la lista di candidati consiglieri prescelti.

Per le elezioni nei comuni con popolazione sino a 15.000 abitanti, costituisce un tipico caso di nullità l’avere espresso contemporaneamente il voto per un candidato a sindaco e per una lista di candidati consiglieri non collegata a quel candidato sindaco (cosiddetto voto disgiunto, consentito dalla legge solo per le elezioni nei comuni con popolazione superiore a 15.000 abitanti).

La nullità del voto espresso per il candidato alla carica di sindaco determina, in ogni caso, la nullità sia del voto di lista che del voto di preferenza espressi nella scheda.

2) Schede contenenti voti nulli limitatamente alle liste, ma validi per i candidati alla carica di sindaco (solo nei comuni superiori a 15.000 abitanti)
Si verifica tale tipo di nullità allorquando l’espressione di voto, sebbene univoca per il candidato alla carica di sindaco, non si manifesta in modo altrettanto univoco per una delle liste di candidati alla carica di consigliere comunale, che sia o meno collegata al candidato sindaco prescelto; si rammenta, infatti, che nei comuni con popolazione superiore a 15.000 abitanti l’elettore può anche esprimere un voto disgiunto, cioè, dopo aver votato per un determinato candidato a sindaco, può altresì votare per una lista di candidati consiglieri non collegata a quel candidato sindaco.

3) Schede contenenti voti di preferenza nulli.
In linea generale, il voto di preferenza si considera nullo qualora non sia possibile desumere con certezza la volontà effettiva dell'elettore. Da questo punto di vista, essendo il voto di preferenza espresso scrivendo il nome e cognome del candidato preferito, la sua validità dovrebbe essere ammessa anche quando esso sia espresso con errori ortografici che non impediscano comunque di individuare il candidato prescelto.

La nullità del voto di lista determina in ogni caso la nullità dei voti di preferenza espressi nella scheda. Al contrario, la nullità dei voti di preferenza non comporta necessariamente la nullità delle altre espressioni di voto contenute nella scheda, le quali, se non sono nulle per altre cause, rimangono valide agli effetti del voto di lista.
Si tenga comunque conto che i segni che possono invalidare la scheda o i voti in essa contenuti sono soltanto quelli apposti dall’elettore con esclusione, quindi, di segni tipografici o di altro genere.

SCHEDE BIANCHE - Si considerano bianche le schede che, regolarmente munite del bollo e della firma, non portano alcuna espressione di suffragio, né segni o traccia di scrittura. Del numero delle schede bianche, delle schede nulle e dei voti di preferenza dichiarati nulli deve essere presa nota nel verbale.

Le schede bianche, le schede nulle e i voti di preferenza nulli vanno registrati,separatamente, sulle tabelle di scrutinio negli appositi prospetti.

SCHEDE CONTESTATE - Durante lo scrutinio possono nascere incidenti ed essere sollevate contestazioni sulla validità di qualche scheda o di qualche voto. Sull’assegnazione o meno dei voti contestati decide in via provvisoria il presidente del seggio, sentiti gli scrutatori, fermo restando che contro le operazioni per la elezione del sindaco e del consiglio comunale è comunque ammesso ricorso dopo la proclamazione degli eletti dinanzi al competente tribunale amministrativo regionale. Spetterà, quindi, alla capacità ed alla sagacia del presidente il compito di frustrare ogni eventuale tentativo di sollevare, senza fondato motivo, incidenti e contestazioni per turbare l’andamento delle operazioni.

Nel verbale deve essere indicato il numero totale delle schede contestate e non attribuite, che costituirà la sommatoria del numero delle schede contenenti voti ai candidati a sindaco contestati e non attribuiti e il numero delle schede contenenti voti alle liste di candidati alla carica di consigliere che, in quanto contestati, non sono stati comunque attribuiti al candidato sindaco.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni comunali 2011: quando il voto può essere annullato

BariToday è in caricamento