Sabato, 19 Giugno 2021
Comunali Bari 2014

Paccione a Vendola: "Meglio minoritari che parte del cerchio magico"

Il candidato sindaco di 'Convochiamoci per Bari': "Siamo lontani dal blocco sociale conservatore che esprime l'attuale maggioranza". Al governatore regionale: "E' un patrimonio morale e politico del nostro territorio che speriamo d'incontrare nel prossimo futuro"

"Se essere uniti alla maggioranza significa aderire al blocco sociale conservatore che rappresenta l’attuale coalizione di centrosinistra, allora preferiamo essere minoranza". All’indomani delle amministrative baresi, il candidato sindaco di Convochiamoci per Bari, Luigi Paccione, risponde così al governatore regionale Nichi Vendola. Il numero uno di Sel aveva criticato il leader del movimento per non aver preso parte alla coalizione che sostiene Antonio Decaro.

Convochiamoci per Bari ha raccolto l’1.4% dei consensi, uno scalino che avrebbe consentito al neodeputato barese di tagliare il nastro del traguardo eludendo il ballottaggio del 8 prossimo giugno. "E' stato un peccato perché Luigi Paccione è una bella figura, limpida, un bravissimo professionista, ma è finito in un sodalizio minoritario. Il guaio è che i minoritari non si pongono mai il problema di diventare maggioranza", ha affermato Vendola ai microfoni dei giornalisti.

Pronta la replica dell’avvocato amministrativista: "L’attuale maggioranza di centrosinistra è espressione di un blocco sociale conservatore che mina nel profondo gli interessi individuali e collettivi di migliaia di persone. Stessa cosa dicasi per la coalizione del centrodestra - spiega Paccione - . Noi abbiamo una visione di potere condiviso fondata sulla cittadinanza sociale e sull’espressione delle individualità in un’ottica partecipata, nessuno può accusarci di nulla perché abbiamo fatto una scelta che riteniamo di profonda coerenza politica e in linea con quanto previsto con la nostra democrazia".  "Aderire a questa maggioranza avrebbe significato accettare di far parte di un cerchio magico di potere a cui ci sentiamo estranei".

A Nichi Vendola  Paccione fa giungere parole di stima, a dimostrazione di come queste frecciatine post voto non abbiamo scalfito la stima tra i due: "Credo che Vendola sia un patrimonio morale e politico del nostro territorio, una persona a cui riconosco la sua predilezione per il giusto e che mi auguro possa essere nel prossimo futuro un nostro interlocutore nel cammino che abbiamo appena iniziato".

Alla domanda se andrà a votare al ballottaggio, Paccione risponde così: "Lo decideremo nel corso di una riunione che verrà svolta con tutti gli amici del movimento, siamo un collettivo e le decisioni le prendiamo assieme".


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paccione a Vendola: "Meglio minoritari che parte del cerchio magico"

BariToday è in caricamento