Mercoledì, 28 Luglio 2021
Comunali Bari 2014

Petruzzelli: "Non far votare migranti e studenti fuori sede è sbagliato"

Il candidato ha raccolto oltre 1600 firme. Ma sulle regole è ancora polemica: "Scorretto non far partecipare persone che vivono la nostra città". "Ero stato indicato come il candidato di parte della dirigenza, ma i fatti dicono tutt'altro"

Un cartone pieno di firme. Quante ne bastano per formalizzare la propria candidatura a sindaco di Bari. Anzi, molte di più, circa 1600. “Ma non ci fermiamo, continueremo anche nei prossimi giorni”: Pietro Petruzzelli è pronto. Le primarie si svolgeranno il prossimo 23 febbraio, ma la sua campagna è iniziata già la scorsa estate. “Una esperienza fantastica, che mi ha permesso di conoscere moltissime persone, migliorando la mia conoscenza sui problemi e le prospettive della città”.

Ieri sera in via Putignani, è stato ufficialmente inaugurato il comitato elettorale con tanto di area giochi per bambini. Diversi i presenti che hanno approfittato del momento per compilare il modulo firme e farsi una chiacchierata con il candidato, da giorni molto critico su come sta evolvendo l’iter di ratifica del regolamento delle primarie: “Oltre al dimezzamento del numero di firme necessarie per presentare la candidatura, si è deciso di non celebrare contemporaneamente le primarie per scegliere i presidenti delle circoscrizioni, di non far votare gli studenti universitari fuori sede e i migranti con regolare permesso di soggiorno”. “Una scelta che mi trova in totale disaccordo perché come centrosinistra dovremmo allargare quanto più possibile la partecipazione a questo importante momento democratico”.

Sul punto dei presidenti di circoscrizione, Petruzzelli invita tutti i candidati a fare chiarezza. “I partiti non possono cedere sovranità a corrente alternata, non possono far decidere ai cittadini il candidato sindaco e alle loro segreterie la spartizione delle poltrone dei presidenti delle circoscrizioni”, sottolinea, “io presto indicherò la mia squadra di governo, ma chi non avesse una idea chiara in merito, farebbe bene ad indicare chi sono i propri candidati alle circoscrizioni”.

Una richiesta al tavolo del centrosinistra è quella di invitare un rappresentante dei candidati negli incontri convocati per discutere sulle regole delle primarie. “Ci risulta che stiano partecipando alcune associazioni e di questo siamo felici, ma ci farebbe piacere che sia considerata anche la presenza degli altri candidati o di loro rappresentanti”.

Era partito per essere il candidato di una corrente del Pd (gli attuali cuperliani) ma nel tempo si è rivelato ben altro. “Con me ci sono quei cittadini che hanno deciso di accettare con entusiasmo la mia scelta – afferma – Si è detto che ero rappresentante di una costola della dirigenza del partito, ma il presidente del Pd, Michele Emiliano, il segretario regionale, Sergio Blasi, ed esponenti della giunta uscente hanno dichiarato pubblicamente di sostenere  Decaro”. “Ora mi auguro di confrontarmi con tutti i candidati e per questo invito la segreteria cittadina del Pd ad aprire i propri circoli di quartiere: ripartiamo dai quartieri e dai bisogni dei cittadini”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Petruzzelli: "Non far votare migranti e studenti fuori sede è sbagliato"

BariToday è in caricamento