rotate-mobile
Cronaca

Giovane ucciso a Bitonto, su Fb la caccia al responsabile: "Ecco chi è". Ma è un errore

Una foto pubblicata sui social accusa un innocente: Giuseppe Cannito, 58 anni, insegnante di religione. Il docente ha sporto querela per calunnia

Accusato ingiustamente sui social di essere il responsabile dell'omicidio di Giuseppe Muscatelli, il giovane di 25 anni accoltellato ieri dopo una lite stradale a Bitonto. Vittima dell'assurdo episodio, un 58enne docente di religione, Giuseppe Cannito. 

Nelle ore in cui gli investigatori erano al lavoro per individuare l'aggressore del 25enne, su Fb è comparsa una sua foto, con tanto di scritta "Ecco chi ha ucciso Giuseppe". Il professore, sconvolto dall'accaduto, ha sporto una querela per calunnia, denunciando ai carabinieri di essere stato ingiustamente accusato dell'omicidio.

Sulla vicenda è intervenuto anche il sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio. "Leggo di nomi e cognomi di innocenti pubblicati sui social e spacciati per colpevoli dell'omicidio. Ho già invitato la cittadinanza ad attendere la versione ufficiale dei fatti. I processi sommari lasciamoli ad epoche che, fortunatamente, sono passate".

Intanto, in queste ore, i carabinieri hanno fermato il 68enne presunto responsabile dell'omicidio: l'uomo avrebbe in qualche modo ammesso la sua responsabilità. E' accusato di omicidio aggravato dai futili motivi.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giovane ucciso a Bitonto, su Fb la caccia al responsabile: "Ecco chi è". Ma è un errore

BariToday è in caricamento