Cronaca

"Sposiamo i diritti", parte la campagna Cgil-Between per una legge regionale contro l'omofobia

Nell'aula consiliare del Comune la raccolta di centinai di cartoline firmate che, imbucate in un'urna simbolica, verranno consegnate alla Regione a "testimonianza della sensibilità dei cittadini" verso i diritti degli omosessuali

"Per realizzare una legge regionale contro l'omofobia e la transfobia", questa mattina a Bari sono state raccolte centinaia di cartoline firmate nell'aula consiliare del Comune di Bari che ha già istituito il registro delle unioni civili per coppie omosessuali. Le cartoline, imbucate in un'urna simbolica, verranno consegnate alla Regione Puglia a "testimonianza della sensibilità dei cittadini" verso i diritti degli omosessuali.

L'iniziativa è stata promossa dalla Cgil di Bari, che si fa promotrice, insieme all'associazione 'Between', della campagna 'Sposiamo i diritti-Essere differenti senza differenze'', alla quale aderiscono scrittori, cantanti, registi e attori. L'obiettivo è "l'allargamento dell'istituto giuridico del matrimonio alle coppie omosessuali". "Firmando queste cartoline - ha detto il segretario della Cgil Bari, Pino Gemsundo - ci attiviamo per intercettare i cittadini, coinvolgerli, in una discussione e un confronto sul tema dei diritti che non può passare in secondo piano rispetto ad altre questioni: alla Regione Puglia - ha concluso - chiederemo maggiore sensibilità e atti concreti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sposiamo i diritti", parte la campagna Cgil-Between per una legge regionale contro l'omofobia

BariToday è in caricamento