Cronaca Carrassi / Via Isonzo

Carrassi 'a secco', l'acqua termina già a mezzogiorno: "Da mesi la stessa storia"

Situazione sempre difficile per gli abitanti di via Monte Nevoso, via Isonzo e via Piave: "Costretti a lavare i vestiti in casa di parenti". Problemi anche per gli scarichi della fogna

Senz'acqua già verso mezzogiorno, anche per chi ha l'autoclave e abita nei piani più alti: da diverse settimane continuano i disagi per l'approvigionamento idrico di alcune zone dei quartieri Carrassi e Picone, in particolare in strade come via Montenevoso, via Isonzo e via Piave, tra via Giulio Petroni e il Liceo Artistico 'De Nittis'. I cittadini convivono con i problemi da circa un paio di mesi: sono diverse settimane, ormai, che la pressione dell'acqua garantita da Aqp è sugli 0,5 bar, nei limiti di legge ma, evidentemente insufficiente a garantire un servizio soddisfacente.

"Siamo costretti - raccontano alcuni abitanti - a riempire le vaschette d'acqua già al mattino. Dobbiamo portare i vestiti sporchi dai parenti per lavarli. Non si può proprio andare avanti così". I problemi, secondo alcuni cittadini, sarebbero peggiorati negli ultimi mesi: "Da quando il Policlinico - sostiene un residente - è autonomo nell'approvigionamento idrico, abbiamo riscontrato un calo progressivo della pressione, fino alla situazione attuale", con i conseguenti disagi quotidiani. a preoccupare i residenti, anche, la situazione della fogna, in alcuni punti decisamente otturata: "Negli scantinati - racconta un altro cittadino - c'è tantissima umidità e vi sono infiltrazioni, dovute alla mancata manutenzione delle condotte".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carrassi 'a secco', l'acqua termina già a mezzogiorno: "Da mesi la stessa storia"

BariToday è in caricamento