Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Carrassi / Via Donato Gargasole

Rossani, giù un altro muro: "Giardino di via Gargasole pronto per l'estate"

Cominciati, questa mattina, i lavori sul secondo lato dell'area dell'ex Caserma. In 70 giorni sarà realizzato un giardino grazie a un percorso di partecipazione condivisa

Un altro pezzo della nuova Caserma Rossani prende forma: sono cominciati, questa mattina, i lavori di abbattimento del muro di via Gargasole, sul lato più a 'sud' dell'ex area militare tra i quartieri Carrassi e San Pasquale di Bari, dove sarà realizzato, entro l'estate, un piccolo giardino progettato in condivisione con i cittadini. Gli interventi costeranno circa 70mila euro. Le ruspe hanno cominciato, sotto gli occhi curiosi dei residenti, ad abbattere la cinta muraria, lunga 100 metri. Al suo posto vi sarà una recinzione in 'orsogrill' alta 1 metro e due rampe di accesso all'area. I lavori dovrebbero durare circa 70 giorni e permetteranno di salvaguardare anche 40 posti auto.

Alla 'demolizione' della prima pietra era presente anche il sindaco Antonio Decaro: "Il rinnovamento della Rossani va avanti: dapprima è stato abbattuto il muro dall'altra parte dell'area, realizzando l'urban center, luogo di confronto per la progettazione partecipata con i cittadini del futuro della città. Questa volta procediamo dall'altra parte. Verrà realizzato un piccolo parco, esempio di progettazione urbana condivisa. Spero di tornare presto e vedere tanti bambini di questo quartiere giocare in questo giardino. Tra qualche giorno, inoltre, cominceranno i lavori di riqualificazione delle due palazzine destinate a ospitare una delle più grandi biblioteche italiane. Per il parco, invece, stiamo aspettando il secondo passaggio in Consiglio comunale. Manca una piccola autorizzazione per modificare la destinazione urbanistica di una piccola parte dell'area, attualmente sede di una strada. In futuro andremo avanti anche con gli altri edifici e la realizzazione dell'Accademia di Belle Arti. La Rossani diventerà un posto per il tempo libero e la creatività a disposizione dei cittadini".

Soddisfatta per l'avvio del cantiere, atteso da tempo, anche l'assessore cittadino all'Urbanistica, Carla Tedesco: "Qui c'era un'area verde senza edifici da consolidare: può essere immediatamente fruibile. Abbiamo piantato alcune piante come le querce che verranno salvaguardate durante i lavori. Gli arredi saranno progettati e condivisi con i residenti attraverso laboratori all'Urban Center. Si tratta di un intervento a costo limitato ma con un approccio diverso alla restituzione degli spazi".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rossani, giù un altro muro: "Giardino di via Gargasole pronto per l'estate"

BariToday è in caricamento