Puglia a corto di reagenti e dispositivi di protezione, l'allarme di Emiliano e la richiesta al governo: "Ne abbiamo bisogno con urgenza"

In un post su Fb il presidente pugliese annuncia di aver chiesto le forniture al governo: "Come sapete hanno centralizzato tutti questi acquisti, ora anche qui in Puglia abbiamo bisogno della nostra parte"

"Ci stiamo avvicinando lentamente alla saturazione del sistema, la Protezione Civile qui non ha mandato praticamente nulla, solo 4 o 5 ventilatori, ci mancano totalmente i dispositivi di protezione individuale". A parlare, nel corso della trasmissione 'L'Aria che Tira' su La7, è il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano.

"Abbiamo ricovertito ospedali a tempi di record - ha sottolineato il governatore - lo schieramento è completo, abbiamo raddoppiato i posti letto in Rianimazione, abbiamo preparato tutto, rafforzato il 118, ma mancano di dispositivi di protezione individuali", ha detto ancora Emiliano sottolineando come in questo momento Dpi e reagenti per i tamponi vengano fatti "tutti convergere in Lombardia", epicentro dell'emergenza Coronavirus. 

"Non possiamo reggere in queste condizioni", ha aggiunto Emiliano riferendosi all'assenza di forniture da parte di governo e Protezione civile. Per questo, nella serata di ieri, con un post su Fb, Emiliano ha annunciato di aver chiesto al Governo "di avere con urgenza forniture di DPI, dispositivi di protezione per medici, infermieri e OSS, e anche di reagenti per aumentare la nostra capacità di analizzare tamponi in laboratorio, perché come sapete hanno centralizzato tutti questi acquisti. Ora anche qui in Puglia abbiamo bisogno della nostra parte e ho dovuto dirglielo con fermezza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ho scorte di dispositivi individuali di protezione per un altro giorno - ha ribadito ancora Emiliano questa mattina, intervenendo nel corso della trasmissione Storie italiane di Rai 1 - Mancano 230 ventilatori polmonari. Capisco che vanno al nord ma bisogna decidere come distribuire la logistica, perchè anche qui al sud abbiamo bisogno". "Sulle Terapie intensive lo confesso: faccio il contrabbandiere di mascherine e ventilatori - ha aggiunto Emiliano - Mi stanno aiutando i governatori di alcuni stati cinesi con cui avevo rapporti istituzionali da tempo. Con questi canali in autonomia abbiamo fatti ordini per 38 milioni di euro di ventilatori e mascherine sperando che riescano ad arrivare. Peraltro, dovendo pagare in modo anticipato con rischi enormi per me e i miei dirigenti, ma in questo momento chi se ne frega". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Positivo al Coronavirus, viola la quarantena ed esce per fare la spesa: barese beccato dai carabinieri

  • Come proteggersi dal contagio del ''Coronavirus'': le mascherine, i disinfettanti e le abitudini igieniche

  • Tragedia a Bari: scende per ritirare la frutta, cade a terra e muore. "La versione dell'infarto non convince i figli"

  • Party di compleanno per i 18 anni nonostante i divieti coronavirus: in casa arriva la Polizia, scattano multe salatissime

  • "Non abbiamo più spazio nei cimiteri, dovete rispettare le regole", lo sfogo di Decaro nella diretta social: "Così non ne usciamo più"

  • Primo decesso per Coronavirus a Modugno, il dolore del sindaco Magrone: "Una sconfitta di tutti"

Torna su
BariToday è in caricamento