rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Cronaca

Sequestrati beni all'imprenditore barese Danilo Quarto: accusato di evasione fiscale

I reati sono contestati al 38enne, ex presidente della squadra di calcio dell'Audace Cerignola, in qualità di titolare della società Sly Security Service

Un sequestro preventivo di beni del valore di circa 910mila euro è stato eseguito dalla Guardia di Finanza di Bari, in esecuzione di un provvedimento emesso dal gip del tribunale di Bari Francesco Mattiace su richiesta del sostituto procuratore del capoluogo pugliese Lanfranco Marazia, a carico del 38enne barese Danilo Quarto. All'imprenditore, ex presidente della squadra di calcio dell'Audace Cerignola, sono contestati una serie di reati ed evasioni fiscali in qualità di titolare della società di sicurezza e vigilganza privata Sly Security Service.

Secondo le accuse, l'indagato, si legge nel provvedimento, "al fine di evadere le imposte sui redditi delle società e sul valore aggiunto", avrebbe omesso di presentare, "le dichiarazioni relative a dette imposte per gli anni 2015, 2016, 2017 e 2018 (solo relativamente alla dichiarazione Iva)". Ancora, sempre "al fine di evadere le imposte sui redditi, indicava nella dichiarazione annuale relativa all'anno 2018, elementi attivi per un ammontare inferiore a quello effettivo", in modo da sottrarre una somma all'imposizione. Ancora, Quarto avrebbe occultato "scritture contabili e documentazione relativa all'esercizio dell'attività", "in modo da non consentire la ricostruzione dei redditi e del volumne degli affari".

Il decreto di sequestro, finalizzato alla confisca, ha riguardato beni immobili, mobili, immobili registrati, partecipazioni societarie, prodotti di investimento e rapporti finanziari attivi. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrati beni all'imprenditore barese Danilo Quarto: accusato di evasione fiscale

BariToday è in caricamento