menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scappa alla vista dei carabinieri e si sbarazza della droga gettandola nel cortile di una scuola: preso sorvegliato speciale

E' accaduto a Grumo Appula: in arresto è finito un 38enne del luogo. I militari lo hanno intercettato mentre cedeva della droga a un 17enne. Dopo un'iniziale fuga, è stato raggiunto e bloccato

Sorpreso dai carabinieri mentre sta per cedere della droga a un 17enne, tenta la fuga sbarazzandosi dello stupefacente e gettandolo nel cortile di una scuola. E' accaduto nei giorni scorsi a Grumo Appula, dove i carabinieri della sezione radiomobile della Compagnia di Modugno, nell’ambito di specifici servizi volti al controllo del territorio, hanno arrestato un 38enne, pregiudicato del luogo.

L’uomo, attualmente sottoposto alla sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di residenza, è stato intercettato dai militari dell’Arma in Cristoforo Colombo mentre inseriva un involucro all’interno di una sacca di una bicicletta elettrica in uso ad un 17enne del luogo.  Insospettiti dall’atteggiamento del soggetto, i carabinieri hanno deciso di controllare i due soggetti, tuttavia il 38enne ha prelevato la busta appena inserita e si è dato a precipitosa fuga, facendo perdere le sue tracce nel centro abitato. Il 17enne, invece, è stato bloccato: è così emerso che stava per ricevere della droga. 

Le immediate ricerche hanno poi permesso di rintracciare, poco dopo, il 38enne nel centro storico e, sottoposto a perquisizione personale, è stato trovato in possesso di uno spinello. 

Tuttavia, proseguendo con gli accertamenti, i militari in un luogo poco distante dalla sua abitazione, lungo il tragitto di fuga percorso dallo stesso, hanno rinvenuto la busta con la quale il sorvegliato era fuggito e della quale si era disfatto, gettandola all’interno del cortile di una scuola. All’interno vi erano 25 grammi di marijuana. A quel punto per il 38enne sono scattate le manette per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e per la violazione delle prescrizioni imposte dalla misura della sorveglianza speciale. L’arresto è stato poi convalidato la mattina successiva e il Tribunale di Bari ha disposto gli arresti domiciliari.

(foto di repertorio)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento