Test sierologici per le scuole private: su 807 soggetti sei positivi agli anticorpi IgG, solo uno al tampone

"Risultati rassicuranti" dall'indagine avviata dalla Asl negli istituti privati e paritari: dalla metà dal campione esaminato, emerge un tasso di positività molto basso (0,74% per le IgG, 0,12% per il successivo tampone)

Solo sei positivi alle IgG (immunoglobuline) - e di questi soltanto uno positivo al successivo tampone - su 807 test sierologici analizzati. Sono i primi risultati relativi all'indagine sierologica avviata dalla Asl nelle scuole paritarie e private di Bari e provincia. "Esiti rassicuranti", secondo la Asl, sulla circolazione del virus Sars-Cov2 nella popolazione docente e non docente delle 141 scuole private e paritarie coinvolte dall’indagine.

Lo Spesal  - Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro – del Dipartimento di Prevenzione, ricorda la Asl, già da diversi giorni ha pianificato e avviato lo screening delle scuole interessate, curando in modo particolare la tempistica di esecuzione, sempre su base volontaria,  dei test sierologici: tutti effettuati prima dell’inizio ufficiale delle lezioni in ogni singolo istituto, grazie alla grande collaborazione con le scuole che hanno risposto all'appello dello Spesal. Una garanzia di sicurezza per il personale, per gli studenti e le famiglie e la dimostrazione concreta che la prevenzione funziona.

Dai risultati preliminari, quando si è all’incirca al 50 per cento del campione da esaminare (complessivamente 1600 soggetti, tra docenti e personale amministrativo, tecnico e ausiliario), emerge un quadro rassicurante sulla circolazione del virus Sars-Cov2 nella popolazione docente e non docente delle 141 scuole private e paritarie coinvolte dall’indagine. Su 807 test analizzati sino a venerdì 4 settembre, infatti, sono state rilevate soltanto 6 positività agli anticorpi IgG. Un dato pari allo 0,74 per cento del campione esaminato, che va confrontato con l’unico caso di positività  (0,12 per cento sul totale) emerso nell’esecuzione del successivo tampone PCR, così come previsto dalle indicazioni ministeriali e regionali. Si tratta di dati già indicativi di bassa circolazione virale nel personale delle scuole. I test sierologici - ricordiamo - servono a individuare gli anticorpi (immunoglobuline) IgM e IgG. Le IgM vengono prodotte temporalmente per prime in caso di infezione. Con il tempo il loro livello cala per lasciare spazio alle IgG. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Parallelamente, da qualche giorno, sono in corso di esecuzione - da parte dei medici di medicina generale - i test sierologici riservati al personale docente e non docente delle scuole pubbliche che, rispetto alle private e paritarie, inizieranno le attività didattiche il prossimo 24 settembre.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vipera in giardino: come riconoscerla e cosa fare in caso di morso

  • Uccio De Santis positivo al coronavirus, annullato spettacolo in Svizzera: "Sono forte, ci vediamo presto"

  • Moto si schianta in Tangenziale, donna incinta tra i feriti: trasportata in codice rosso, è grave

  • Raffaele Fitto positivo al Covid-19 con la moglie, l'annuncio: "Tampone dopo contagio di uno stretto collaboratore"

  • Cos'è il ''Bonus tiroide'' e come richiederlo

  • Contagi dopo festa di 18 anni, chiude scuola ad Altamura: "Inconcepibili party per ballare"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento