Cronaca

Oncologo a processo per concussione, l'Istituto Tumori di Bari valuta di costituirsi parte civile contro il medico

Si tratta del procedimento a carico dell'oncologo barese Giuseppe Rizzi arrestato nello scorso mese di maggio perché indagato per concussione aggravata e continuata in concorso con la compagna

La direzione strategica dell'Istituto Tumori di Bari sta valutando l'opportunità di costituirsi parte civile nel processo a carico dell'oncologo barese Giuseppe Rizzi arrestato nello scorso mese di maggio perché indagato per concussione aggravata e continuata in concorso con la compagna Maria Antonietta Sancipriani. La notizia è riportata dall'Agenzia Dire

Al professionista sono stati sequestrati beni per quasi tre milioni di euro. Dall'Istituto tumori si precisa che il medico "è stato licenziato il primo marzo scorso, con licenziamento disciplinare senza preavviso a causa dei comportamenti posti in essere nei confronti di un paziente oncologico e dei suoi familiari". Era stata la direzione strategica a rivolgersi alla magistratura "per segnalare le gravi condotte che avevano già motivato il licenziamento disciplinare".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oncologo a processo per concussione, l'Istituto Tumori di Bari valuta di costituirsi parte civile contro il medico

BariToday è in caricamento