menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Municipio 1, una presidenza di commissione per due: la battaglia approda in Comune

Battista e Carelli ascoltati dai consiglieri di Palazzo di Città. Il presidente sfiduciato: "Atto illegittimo". L'esponente del M5S: "Nostra procedura regolare". Esposto dei pentastellati in Procura

Una presidenza per due o meglio, allo stato attuale, due presidenze per una commissione, la Terza del Municipio I: prosegue il confronto tra una parte della Maggioranza di centrosinistra e il resto delle opposizioni (tra cui centrodestra e M5S),  rispettivamente a sostegno di Nicola Battista e Italo Carelli, il primo sfiduciato il 15 giugno da quattro consiglieri su tre, il secondo eletto presidente ventiquattro ore dopo. Da giorni nelle stanze di via Trevisani si vive la situazione paradossale di due commissioni convocate nella stessa stanza: quella di Battista ripetutamente deserta, quella di Carelli regolarmente insediata. Per questa ragione i due, assieme alla presidente del Municipio 1, Paparella, e al direttore generale Lupelli, sono stati convocati in commissione Trasparenza a Palazzo di Città.

Le ultime due non si sono presentate: "La convocazione è partita 24 ore fa - afferma Battista - era difficile organizzarsi. La mia sfiducia? non ha motivazioni di carattere politico. La mozione nasce da una mancata presenza di alcuni consiglieri ed è stata presentata in maniera difforme rispetto al regolamento. Il dirigente municipale è il 'notaio' della regolarità tecnica. La dottoressa Lupelli ha affermato che la sfiducia era irregolare. In attesa del parere del Segretario generale tutto dovrebbe rimanere così. Ci sono dei consiglieri che hanno poca voglia di lavorare e necessità di assentarsi dal loro posto di lavoro piuttosto che dare un contributo alla comunità". 

Di tutt'altro avviso Carelli: "Il 15 pomeriggio Battista ha sospeso la commissione in modo arbitrario, provvedimento attivo 48 ore dopo. Tra le motivazioni che il 16 hanno portato a votare la sfiducia c'è la gestione dittatoriale del presidente. Non ci dobbiamo dimenticare che da questa commissione erano andati via due componenti della Maggioranza, il vicepresidente del Municipio Leonetti e il capogruppo Pd Bozzo. Come primo atto di insediamento abbiamo revocato la sospensione delle sedute. La direttrice del Municipio si è anche intromessa nella vicenda. Non può affermare che Battista abbia ragione chiedendo poi il parere al segretario. Il M5S, a tal proposito ha deciso di fare un esposto alla Procura nei confronti dell'operato della dottoressa Lupelli. La Commissione Lavori Pubblici sta lavorando su molti temi lasciati in sospeso perché riteniamo opportuno andare avanti e dare continuità al mandato dei cittadini. Non procurando alcun danno agli abitanti del Municipio perché se la commissione che presiedo verrà riconosciuta legittima la Commissione che presiedo percepiremo gli stessi gettoni e rimborsi di quella eventualmente presieduta da Battista. Altrimenti avremmo fatto volontariato politico, portando avanti la vita amministrativa. Sono sicuro che da parte nostra c'è stato il massimo rispetto del regolamento". La battaglia, in pratica, prosegue.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento