menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Apre la stazione di Torre Quetta: "Da Bari Centrale alla Regione in 9 minuti"

Dopo 18 mesi di lavori è stata aperta la nuova fermata servita principalmente da Trenitalia, in corrispondenza dei nuovi uffici regionali e della spiaggia. Emiliano: "Dedicato a tutti i pendolari"

Una fermata attesa da tempo, per la quale ci sono voluti circa 18 mesi di lavoro: la stazione ferroviaria di Torre Quetta è diventata una realtà concreta e funzionante già da lunedì prossimo, quando passeranno 40 treni giornalieri al servizio di pendolari, dipendenti della Regione e, in estate, bagnanti pronti per trascorrere una giornata di mare. L'opera, inaugurata questa mattina, costata circa 1,4 milioni di euro, è infatti a due passi dalla nuova sede del Consiglio regionale (in costruzione) e dagli uffici del massimo ente amministrativo pugliese. Bastano solo 9 minuti per raggiungerla partendo da Bari Centrale. La stazione, servita in particolare da Trenitalia, è dotata di biglietterie, pensiline, di un piccolo giardino con panchine e, soprattutto, di un comodo sottopasso per superare i binari, una vera e propria mini-ricucitura tra una parte di Japigia e il Lungomare.

"E' una fermata importante, dalla valenza straordinaria - ha spiegato il sindaco di Bari, Antonio Decaro, nel corso dell'inaugurazione -. Si può raggiungere la sede della Regione da tutta la Puglia, ma anche Torre Quetta che con i lavori futuri verrà ricucita a Pane e Pomodoro, creando un unico litorale di 3 km. E' una fermata light, leggera, lungo la linea Molfetta-Monopoli ma in futuro sarà fermata di una linea di tipo metropolitano molto neno impattante, ovvero il tram del mare. Entro quest'anno dovrebbe partire la creazione del collo d'oca per deviare i binari: i lavori dovrebbero durare 7 anni. Al termine potremo finalmente avere Japigia e Madonnella uniti alla litoranea

Il governatore pugliese, Michele Emiliano, ha ricordato la particolare situazione del trasporto ferroviario nella regione: "E' un momento difficile - ha affermato - soprattutto per ciò che è accaduto il 12 luglio. Tutto questo non può farci dimenticare il dolore che abbiamo provato. Ho il privilegio di vedere realizzate tutte quelle cose che avevo visto sui progetti quando ero sindaco. Vorrei fare tutto questo anche nelle altre città della regione. Con i soldi del Patto per il Sud e della Puglia dobbiamo riuscire a migliorare le nostre città. Questa - prosegue - è una stazioncina ma consentirà di migliorare la vita di tanti impiegati consentendo loro di giungere al lavoro col treno, risparmiando notevolmente sui trasporti. L'inaugurazione di oggi la dedico a tutti i pendolari pugliesi, a quelli delle Ferrovie Sud-Est come a chi ha vissuto la tragedia della Corato-Andria. La dedico a coloro che nonostante tutto hanno un lavoro, ma anche a quelli che lo cercano attraverso il treno. Oggi stiamo celebrando un lavoro di squadra. Ho l'onore di essere in una regione dove le cose si fanno e non si dicono solamente".

Soddisfatto anche l'assessore regionale ai Trasporti, Gianni Giannini: "In un contesto provato da tanti problemi - ha spiegato - non ultimo il provvedimento dell'Asuf sul limite da 50 lm orari, oggi è una giornata in controtendenza. Abbiamo eliminato un pezzo di degrado sul lungomare di Bari. Gli uffici della Regione saranno raggiungibili in treno con una concreta alternativa rispetto al trasporto in gomma e privato".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Attico di lusso nel cuore di Bari: un sogno a due passi dal mare dove il fascino dell'antico si sposa all'eleganza del moderno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento