menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pestato brutalmente per strada, morto dopo due giorni di agonia in ospedale. arrestato pregiudicato al San Paolo

L'uomo, Carlo Tisti, è ritenuto responsabile dell'aggressione che ha portato alla morte di Onofrio Coppolecchia, avvenuta lo scorso 22 agosto, deceduto dopo all'ospedale San Paolo a causa di un'emorragia cerebrale

La Squadra Mobile di Bari ha arrestato il pregiudicato 26enne Carlo Tisti, ritenuto responsabile del pestaggio che ha portato alla morte di Onofrio Coppolecchia, avvenuto lo scorso 22 agosto, deceduto dopo 2 giorni di coma nell'ospedale San Paolo a causa di un'emorragia cerebrale.

Le immagini: picchiato brutalmente davanti ai passanti

Le indagini sono cominciate dall'analisi della tac a cui Coppolecchia era stato sottoposto: dalla quale era emerso un trauma cranico dovuto ad un'aggressione celata dalla vittima, che aveva precedenti penali, per probabili motivi d'omertà. Secondo gli inquirenti, la vittima, prima di perdere conoscenza dopo essere giunta in ospedale, non avrebbe rivelato ai medici di essere stata vittima di un pestaggio.

L'inchiesta ha quindi consentito di appurare che nella serata del 22 Coppolecchia, prima di recarsi al pronto soccorso, era stato brutalmente aggredito da un giovane che, indossando mascherina, guanti ed un cappellino da baseball, lo aveva percosso con calci e pugni, sbattuto al suolo con un calcio alle gambe dopo il quale Coppolecchia colpì l'asfalto con il capo. Inutili i successivi soccorsi di alcuni passanti. L'uomo è poi giunto in ospedale, per poi finire in coma e morire pochi giorni dopo.

In base alle immagini delle telecamere di sorveglianza della zona, la squadra Mobile è riuscita a risalire a Tisti: nella sua abitazione è stato inoltre rinvenuto l’abbigliamento usato durante il pestaggio, opportunamente sequestrato. Tisti, dopo l'arresto, è stato quindi condotto in carcere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento