Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca Bari Vecchia / Strada Santa Chiara

Palazzina Provveditorato bocciata dal Consiglio di Stato, il Comitato: "Silenzio assordante dalle istituzioni"

Cittadini ed associazioni chiedono l'applicazione della decisione di luglio scorso quando i giudici hanno dichiarato illegittimo il decreto che autorizzava la costruzione dell'edificio

"Un silenzio assordante" e, a distanza di un mese e mezzo "tutto tace nelle Istituzioni che pure sono obbligate a dar corso alla decisione dei giudici": il Comitato Parco del Castello ha diffidato "tutti gli enti pubblici interessati ad agire in conseguenza" sulla vicenda della realizzazione della palazzina del Provveditorato Opere Pubbliche sul lungomare De Tullio dopo che il 23 luglio scorso il Consiglio di Stato ha dichiarato illegittimo il decreto del 21 settembre 2010 che autorizzava la costruzione dell'edificio nonostante il vincolo monumentale a tutela del Castello medievale presente a poca distanza, "in ampliamento - spiega il Comitato - di un edificio abusivo risalente agli anni ’50 dello scorso secolo".

I cittadini e le associazioni hanno quindi diffidato le istituzioni coinvolte "previa Conferenza dei Servizi, alla quale chiedono di partecipare, che prenda finalmente atto del carattere abusivo della vecchia e della nuova palazzina del Provveditorato alle Opere Pubbliche di Puglia e Basilicata". La diffida è stata trasmessa al Provveditorato alle Opere Pubbliche, al Segretariato regionale del Ministero per i beni culturali, alla Soprintendenza archeologica, belle arti e paesaggio, al Presidente della Regione, al Sindaco di Bari, all’assessore comunale all’urbanistica, alla Capitaneria di Porto e all’Autorità Portuale. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palazzina Provveditorato bocciata dal Consiglio di Stato, il Comitato: "Silenzio assordante dalle istituzioni"

BariToday è in caricamento