Cronaca Bari Vecchia / Darsena Mar di Levante , Porto Nuovo di Bari

Troppi passeggeri, organizzazione in tilt: caos e disagi al Porto di Bari

File interminabili agli imbarchi per Grecia e Albania, strutture carenti e personale insufficiente a fronte di un afflusso straordinario. Mariani: "Cercheremo di velocizzare le procedure"

Caos e code interminabili: la fotografia del Porto di Bari ad agosto è da anni sempre la stessa. Ore e ore di fila per imbarcarsi su traghetto diretto in Grecia o in Albania, con prevedibili lungaggini e disservizi. L'Autorità Portuale del capoluogo corre ai ripari dopo le lamentele dei viaggiatori sulla scarsa organizzazione nella zona dell'imbarco: migliaia i turisti accalcatisi per espletare le procedure, rallentate dalla presenza di un solo metal detector. Moltissimi i disagi per i bambini e più anziani, schiacciati nella folla. Una situazione estremamente complicata aggravata dalla mancanza numerica di personale, proporzionata allo straordinario afflusso di questi giorni.

"Sono a conoscenza di questa problematica - ha affermato al Corriere del Mezzogiorno Franco Mariani, presidente dell’Autorità portuale - purtroppo in questo periodo ci troviamo a gestire migliaia di persone. Ho dato disposizione  di procedere più celermente. Sulle auto possiamo fare ben poco, perché il flusso è considerevole e questo ovviamente è un punto a nostro favore pesche vuol dire che il porto di Bari sta diventando giorno dopo giorno più attrattivo. Per i passeggeri che devono partire per la Grecia - conclude Mariani - cercheremo di velocizzare le procedure di controllo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Troppi passeggeri, organizzazione in tilt: caos e disagi al Porto di Bari

BariToday è in caricamento