Uffici giudiziari nell'ex torre Telecom, Stefanì: "Nessuna certezza sui tempi, Procura resti in via Nazariantz"

Il presidente dell'Ordine degli Avvocati di Bari al termine della Conferenza permanente di questa mattina: "Disagio di questi mesi si protrarrà ulteriormente". No al trasferimento temporaneo della Procura in altri spazi: "Giusta la proroga"

"Siamo purtroppo consapevoli che l’enorme disagio che stiamo vivendo ormai da mesi si protrarrà ulteriormente; non abbiamo avuto alcuna precisazione sulle tempistiche del trasferimento, tuttavia temiamo che esso non avverrà in tempi brevi. Per questo auspichiamo che si accelerino gli accertamenti amministrativi, così come dichiarato dal Ministero, e si faccia anche l’impossibile per anticipare la consegna dell’immobile che, allo stato, sembra non possa avvenire prima di metà novembre".

Così il presidente dell'Ordine degli Avvocati di Bari, Giovanni Stefanì, commenta al termine della Conferenza permanente che si è tenuta questa mattina, preceduta dalla protesta silenziosa organizzata in piazza De Nicola per denunciare la situazione di difficoltà in cui si trova la giustizia penale barese.  

"Condividiamo - aggiunge Stefanì - l’opportunità di prorogare la presenza dei giudici della procura nel palagiustizia di via Nazariantz sino alla prossima conferenza permanente di inizio ottobre e siamo dell’idea che essi debbano poter continuare a svolgere in quella sede il proprio lavoro senza dover traslocare in altri spazi, ipotesi che bocciamo decisamente: sarebbe un’ulteriore iattura per una giustizia penale già fin troppo spezzettata. Stiamo vivendo ancora la drammatica prospettiva di non poter esercitare in modo adeguato la professione,  un problema non solo per tanti avvocati e magistrati, ma per tutta la collettività barese che oggi, e chissà per quanto ancora, vive insieme a noi i disagi e il caos di una giustizia penale in crisi profonda".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia 'promossa' da domenica? Dati Covid in miglioramento, si va verso la zona gialla

  • La Puglia 'promossa' da zona arancione a zona gialla (nonostante l'Iss contrario): c'è l'ordinanza del ministro Speranza

  • Nuovo Dpcm: verso lo stop a spostamenti dai Comuni per Natale e Capodanno, dal 21 viaggi tra regioni solo per rientro nella propria residenza

  • Il Dpcm di Conte: la Puglia è arancione (gialla sotto Natale). Si torna a scuola il 7 gennaio. "No non conviventi in casa"

  • L'indice Rt scende sotto l'1 in Puglia e Lopalco risponde ai medici: "Non siamo regione da zona rossa"

  • Stop agli spostamenti tra regioni dal 21 dicembre, comuni 'chiusi' a Natale e Capodanno: il governo approva il decreto

Torna su
BariToday è in caricamento