menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Frode e speculazioni nelle forniture di mascherine agli ospedali: nei guai sei imprenditori, coinvolte società baresi

L'indagine della Guardia di Finanza partita da Foggia: sei appalti finiti nel mirino delle Fiamme Gialle, per un totale di circa 45mila maschere di protezione

Sei imprenditori denunciati, sei appalti finiti nel mirino dei finanzieri del Comando provinciale di Foggia per presunta frode e speculazione nelle forniture di dispositivi di protezione individuale ad alcuni ospedali della Capitanata, nel periodo tra marzo e aprile di quest'anno. Circa 45.000 maschere di protezione individuale fornite in tutto, per un importo, oggetto di presunti appalti irregolari, di circa 457 mila euro. 

L’indagine è stata sviluppata nelle province di Foggia, Bari, Taranto, Perugia e Verona. Sotto la lente di ingrandimento del Nucleo di polizia economica finanziaria di Foggia sono finite le forniture ad alcuni ospedali della provincia di maschere di protezione individuale da parte di una società di Bari che ha fornito 8.000 dispositivi di protezione individuale allegando - questa l'accusa - una certificazione rilasciata da un Istituto con sede in Brasile che non rientrava tra gli organismi riconosciuti e autorizzati dall’Unione Europea e dal Governo italiano; una società di Altamura che ha fornito 2.000 dispositivi di protezione individuale che provenivano da una partita importata da un paese extracomunitario per la quale l’INAIL (competente a vagliare le istanze di produttori e importatori) aveva vietato alla società l’immissione in commercio e il conseguente ritiro immediato dal mercato nazionale della merce nel frattempo già ceduta alle strutture ospedaliere; una società di Perugia che ha importato da un paese extracomunitario e successivamente immesso in commercio 11.000 maschere di protezione individuale che, attraverso l’interposizione di altra società di Bari, sono state cedute in assenza di certificazioni comprovanti il rispetto di tutti i requisiti di sicurezza europei e nazionali; tre società di Bari che secondo le indagini avrebbero "messo in piedi un’articolata manovra speculativa attraverso plurime cessioni onerose di maschere protettive avvenute nell’arco di una sola giornata, determinando un rincaro ingiustificato della merce superiore all'8.000%, Infatti, in sole 24 ore, le mascherine sono state oggetto di 3 cessioni con connessi rincari di prezzo, passato da quello iniziale d’importazione di €. 0,25 (+IVA) a quello finale di €.20,80 (+ IVA)".

Complessivamente, sei sono gli appalti monitorati per una fornitura totale di 45.000 d.p.i., della tipologia FFP2 e FFP3, per un controvalore complessivo di circa 457 mila euro; tre i soggetti denunciati a piede libero per “manovre speculative su merci”; quattro i soggetti denunciati, a vario titolo, per “frode in commercio”, “frode in pubbliche forniture” nonché per aver immesso in commercio “DPI non conformi ai requisiti essenziali di sicurezza”; un migliaio le mascherine sequestrate non ancora distribuite al personale medico e infermieristico; 158 mila euro circa l’ammontare dei profitti illeciti proposti alla Procura della Repubblica di Foggia per il sequestro penale.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento