Martedì, 27 Luglio 2021
Economia

Affitti, Bari in controtendenza: trovare casa è facile ma costa di più

Per trovare un appartamento bastano un paio di mesi, ma nel 2012 i canoni di locazione sono aumentati dell'1,4%, contro il -6% della media nazionale. I dati di un'indagine Solo Affitti-Nomisma

Prendere una casa in affitto a Bari è più costoso che in altre città italiane. Soprattutto se si è alla ricerca di un trilocale o di un monolocale. A dirlo sono i dati del Rapporto sulle locazioni 2012 realizzato dal franchising immobiliare Solo Affitti, in collaborazione con Nomisma.

BARI IN CONTROTENDENZA - Secondo quanto rilevato dall'indagine, nel capoluogo pugliese negli ultimi sei mesi del 2012 i canoni di locazione sono cresciuti dell'1,4%. Un dato in controtendenza rispetto al trend nazionale, che fa registrare invece un calo medio del 6%. A trainare la crescita degli affitti sono soprattutto i prezzi di trilocali e monolocali (aumentati rispettivamente del 3,4% e dell'1,7%). Restano stabili invece i canoni di bilocali e quadrilocali. Oltre a Bari, sono stati registrati aumenti dei prezzi d'affitto solo a Campobasso (+1,6%), mentre ci sono state flessioni a doppia cifra a Napoli (-12,5%) e Milano (-11,9%). Seguono Aosta (-9,1%), Venezia (-8,7%), Roma e Catanzaro (-8,6% ciascuno), Genova (-7,7%), Firenze (-7,6%) e Ancona (-6,8%).

QUANTO COSTA UNA CASA IN AFFITTO? - Traducendo le percentuali in euro, a Bari per affittare una casa sono necessari mediamente 523 euro. Per trovare alloggi in locazione più cari nel resto d'Italia bisogna spostarsi a Roma (canone medio di 879 euro), Milano (858 euro), Firenze (650 euro), Venezia (613 euro) e Trieste (557 euro).

DUE MESI PER TROVARE CASA - Dall'indagine emerge anche che Bari è tra le città in cui occorre meno tempo che altrove per trovare un appartamento: 2,4 mesi contro i 2,7 a livello nazionale. Tra le città con i tempi più lunghi ci sono invece Milano (3,8 mesi) e Bologna (3,7).

L'IDENTIKIT DELL'AFFITTUARIO - Il 45% di coloro che cercano un appartamento in affitto a Bari sono coppie senza figli. Le coppie con figli e i single si ritagliano rispettivamente il 25% e il 20% del totale, mentre il fenomeno della condivisione tra due o più persone, non legate da da vincoli di parentela, stenta a decollare in città (10%). La maggior parte delle volte chi cerca un appartamento in affitto a Bari ha tra i 35 e i 50 anni (35% dei casi), anche se non mancano i giovanissimi con meno di 25 anni (30% dei casi) e coloro che hanno tra 25 e 35 anni (30%). Pochi gli ultracinquantenni che scelgono la locazione (5% dei casi).

MENO COMPRAVENDITE, PIU' LOCAZIONI - L'aumento dei canoni di locazione a Bari è probabilmente legato alla maggiore richiesta di case in affitto. La crisi economica e le crescenti difficoltà incontrate dalle famiglie nell'ottenere mutui, infatti, hanno spinto sempre più baresi a scegliere la casa in affitto come abitazione "principale": in città sono il 50% del totale degli affittuari (leggermente inferiore alla media nazionale del 52%). Il 40% di locatari è costituito da lavoratori in trasferta per brevi periodi (29% in Italia) mentre il 10% è composto da studenti fuori sede (17% in Italia).

 

Potrebbe interessarti: https://www.baritoday.it/economia/mercato-locazioni-bari-aumento-affitti.html
Leggi le altre notizie su: https://www.baritoday.it/ o seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/BariToday/211622545530190

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Affitti, Bari in controtendenza: trovare casa è facile ma costa di più

BariToday è in caricamento