rotate-mobile
Economia

I pensionati di Cgil, Cisl e Uil puglia chiedono: “semplicemente” risposte

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Continua la mobilitazione della Categoria dei Pensionati, che ha preso il via dall’Assemblea Nazionale dalle Federazioni Nazionali dei Pensionati, tenutasi a Roma il 17 novembre scorso, con le assemblee sul territorio organizzate da SPI CGIL, FNP CISL E UILP UIL. SANITÀ, FISCO, PENSIONI, NON AUTOSUFFICIENZA E DOMICILIARITÀ, sono i temi dominanti del dibattito in corso nelle tante assemblee comunali promosse dalle Federazioni dei Pensionati, in preparazione della manifestazione regionale indetta dalle Confederazioni CGIL CISL UIL di Puglia del prossimo 11 dicembre. Temi che sono alla base delle nostre rivendicazioni, delle nostre proposte, sui quali si attendono RISPOSTE, a partire dalla legge di bilancio in corso di approvazione al Parlamento e dalla Regione Puglia, che ancora una volta elude il confronto con le Organizzazioni Sindacali su recupero delle prestazioni, sanità territoriale e interventi infrastrutturali del PNRR. "Le dimissioni dell’Assessore alla Sanità della Regione Puglia, Lopalco, - spiegano Giovanni Forte, Filippo Turi e Rocco Matarozzo - con l’assunzione della delega da parte del Presidente Emiliano, ci riportano indietro nel tempo, al punto di partenza, così come è stato nella gestione della sanità nella precedente legislatura, che non ha certamente brillato per efficienza e RISPOSTE ai problemi delle liste d’attesa, della quasi totale assenza di interventi sulla sanità del territorio, criticità messe a nudo dall’esplosione della pandemia di questi due anni. " RISPOSTE! È ciò che pretendono i nostri pensionati, dal Parlamento, dal Governo e dalla Regione, che si mobilitano insieme a CGIL CISL e UIL, alle altre categorie dei lavoratori, ai disoccupati ed ai giovani, che vogliono RISPOSTE alle domande di sicurezza, di lavoro stabile e dignitoso, perché questa nuova stagione, che ci sta faticosamente portando fuori dalla pandemia, ha bisogno di coesione sociale nella ripartenza, di partecipazione e coinvolgimento sulle scelte e sugli investimenti che si andranno a realizzare per creare lavoro, superare disuguaglianze e ritardi nel Paese. I sindacati dei pensionati rivolgono un accorato appello alla partecipazione alle assemblee ed ad ogni altra iniziativa che si renderà necessaria da mettere in campo nei territori, in preparazione della manifestazione regionale dell’11 dicembre prossimo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I pensionati di Cgil, Cisl e Uil puglia chiedono: “semplicemente” risposte

BariToday è in caricamento