Giovedì, 29 Luglio 2021
Economia

Regione: ok al bilancio 2013, via l'accisa sulla benzina

Ok del Consiglio regionale alla manovra di bilancio 2013. Tra i provvedimenti, la soppressione dell'accisa regionale sulla benzina e la riduzione delle aliquote Irpef per i redditi più bassi

Via libera del Consiglio regionale alla manovra di bilancio 2013. Dopo una maratona durata 12 ore, l'assise di via Capruzzi ha approvato a maggioranza il Bilancio di previsione 2013 e pluriennale 2013-2015 con le relative disposizioni. Tra i provvedimenti adottati, anche alcuni sgravi fiscali, come la riduzione dell'Irpef per i redditi più bassi e la soppressione dell'accisa regionale sulla benzina.

IRPEF RIDOTTA PER I REDDITI BASSI - A partire dal prossimo anno l'addizionale Irpef regionale sarà ridotta dallo 0,3% allo 0,1% per i redditi fino ai 15mila euro e dallo 0,3% allo 0,2% per i redditi tra i 15mila e i 28mila euro.  Confermate le addizionali regionali per gli scaglioni di reddito successivi. Invariata, rispetto allo scorso anno, anche l’aliquota Irap.

VIA L'ACCISA SULLA BENZINA - All’unanimità è stato votato l’emendamentoche sopprime l’accisa regionale sulla benzina (Irba) a decorrere dal primo gennaio del prossimo anno. La cancellazione dell'Irba (2,5 centesimi di euro a litro), comporterà un minore introito stimato in 14,5 milioni di euro che sarà compensata attingendo al Fondo svalutazione crediti. Decisa anche l'esenzione dal bollo per i veicoli a basso impatto ambientale immatricolati a partire dal 1° gennaio 2013, per i quali non sarà pagata la tassa automobilistica regionale per i primi cinque anni. I veicoli interessati son quelli alimentati a GPL o a metano, e quelli a doppia alimentazione a benzina/GPL o a benzina/metano.

NOVITA' PER GLI ESERCIZI TURISTICI - Novità positive in arrivo anche per le attività turistiche: saranno soppresse a partire dal prossimo anno le tasse sulle concessioni regionali per gli esercizi turistici (alberghi, bed & breakfast, agriturismi).

FONDI PER L'UNIVERSITA' - Tra i provvedimenti approvati, anche lo stanziamento di nuovi fondi per le borse di studio universitarie. "Per rilanciare e potenziare le attività delle università e salvaguardare l'offerta formativa a beneficio degli studenti pugliesi - si legge in una nota del Consiglio regionale - la Regione ha previsto un contributo straordinario di 2 milioni di euro al sistema universitario, che si somma ai 5 milioni di euro destinati al finanziamento delle borse di studio. Per quanto riguarda invece il pagamento della tassa per il diritto allo studio universitario, sono state individuate tre fasce: 120 euro per la più bassa, 140 per la fascia media e 160 per quella più alta. Più risorse anche per le scuole d'infanzia paritarie, con un ulteriore stanziamento di 1 milione di euro, che fa salire il totale a 1,9 milioni di euro".

ECOTASSA RINVIATA - Confermato  anche il rinvio al 1° gennaio 2014 dell'entrata in vigore dell'Ecotassa, che prevede  il pagamento delle penalizzazioni per il conferimento in discarica dei rifiuti urbani a carico dei Comuni inadempienti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regione: ok al bilancio 2013, via l'accisa sulla benzina

BariToday è in caricamento