menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Futuro incerto per i lavoratori Auchan, "perplessità" sul piano Conad: per Modugno situazione più a rischio

Il punto vendita, a differenza di quello di Casamassima, non fa parte della prima 'tranche' di ipermercati che passerà alla nuova proprietà. I sindacati: "Vogliamo numeri e risposte"

Futuro incerto e prospettive tutt'altro che chiare, con situazioni diverse a seconda del sito commerciale coinvolto, per i 414 lavoratori baresi degli ipermercati Auchan di Casamassima e Modugno, impegnati nel difficile passaggio dei punti vendita al gruppo Conad. La riunione di ieri a Roma, nella sede del Ministero dello Sviluppo Economico, alla quale hanno preso parte i rappresentanti dell'azienda e i sindacati di FIlcams Cgil, Fisascat Cisl e UIltucs Uil, ha permesso di fare il punto sulla situazione a livello nazionale mentre davanti ai negozi (anche quelli baresi) i lavoratori erano in sciopero.

La situazione a Casamassima e Modugno

Gli esuberi comunicati ai sindacati dai rappresentanti Auchan, saranno 3105 in tutta italia, a fronte di circa 16mila lavoratori attualmente impiegati. Conad acquisirà, entro marzo, 109 punti vendita, quasi un terzo del totale. Tra questi rientra anche il sito di Casamassima dove attualmente sono impiegate 240 persone, la cui situazione non dovrebbe destare grandi preoccupazioni, seppur non vi siano certezze assolute su eventuali esuberi. Più difficile, invece, quella riguardante Modugno, con 174 dipendenti: il punto vendita non fa parte della prima 'tranche' di ipermercati che passerà a Conad. L'azienda acquisirà, successivamente 45 negozi che saranno sottoposti a riduzioni del 30-50% di superficie, attestandosi tra i 6 e gli 8mila metri quadri. A questi potrebbero aggiungersi altri 31 negozi, se verranno perfezionate le trattative di cessione. Per altri 84, invece, i sindacati lamentano di non aver ricevuto risposte.

I prossimi passi della vertenza Auchan-Conad

"Laddove - spiega a BariToday Marco dell'Anna, Segretario Uiltucs-Uil Puglia - vi sarà una riduzione delle superfici commerciali, l'azienda ha assicurato che farà subentrare altri soggetti, cercando di garantire i posti di lavoro in esubero. Al momento, però, siamo nell'ambito delle dichiarazioni. Da parte nostra ci sono forti perplessità e monitoreremo tutto attraverso il confronto con il Mise e controllando le procedure di Conad, affinchè salvaguardino l'occupazione". I prossimi passi saranno ancora a Roma dopo l'incontro di ieri, al quale ha partecipato anche il sottosegretario Alessandra Todde. Il Ministero convocherà nelle prossime settimane Conad per un incontro diretto, quindi vi sarà un altro confronto con il sindacato per poi proseguire un confronto che si annuncia serrato, visto il poco tempo a disposizione per salvare i posti di lavoro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento