Eventi Bari Vecchia / Via Venezia, 41

Festa di San Nicola: si inaugura domani la mostra d'arte "Nicol(h)aus"

Una collettiva di arte contemporanea dedicata al Santo di Myra e al rapporto di devozione che ai baresi hanno con il loro patrono, ricco di contaminazioni tra sacro e profano

In attesa dell'evento più suggestivo delle celebrazioni per San Nicola, il corteo storico del 7 maggio, sarà inagurata domani alle ore 19.00 presso la sala Spaziogiovani di via Venezia 41 la mostra d'arte contemporanea “Nicol(h)aus - suggestioni artistiche sul Santo di casa nostra”.

La collettiva, che fa parte delle iniziative promosse in occasione della festa del Santo Patrono, resterà aperta fino al 23 maggio e ospiterà i lavori di 8 artisti che con generi e tecniche diverse raccontano il rapporto di familiarità e devozione che lega i baresi al loro Santo Patrono.

A contribuire al prestigio dell'esposizione, curata da Daniela Boscia e coordinata dallo studio Graphite24 in collaborazione con Cooperativa Kokopelli, sarà la partecipazione straordinaria delle opere di tre maestri del calibro di Michele Damiani, noto pittore barese, Riccardo Dalisi, vincitore del Compasso d'oro, Matthew Watkins, esponente della Mobile Digital Art.

Un percorso tra diverse forme artistiche dunque, ma anche tra contaminazioni tra sacro e profano, tra suggestioni di culture lontane che da sempre caratterizzano la venerazione del Santo di Myra.
Le illustrazioni delicate del racconto inedito “La leggenda del Santo disertore” di Raffaele Nigro a cura di Rosalba Ambrico, proiettano nel mondo islamico la figura di San Nicola, il cui rito unisce oriente ed occidente. Le fotografie di Nicola Cipriani immortalano una folla di devoti anonimi, senza volto – come fossero inconsapevoli passanti, mentre il fotografo Alessandro Cirillo indaga il rapporto tra il Santo ed il mondo femminile giocando in maniera evidente sul significato della parola “grazia”. L'arte sacra di Anna Maria Di Terlizzi offre interessanti rivisitazioni dell'iconografia più classica nicolaiana, mentre i lavori dei videomaker Luca La Vopa e Lello Petrone, restituiscono il movimento all'indagine sull'icona nicolaiana.  Mirella Ippolito incentra il suo discorso artistico sulla commistione del cattolicesimo occidentale ed europeo e quello più bizantino che trova nelle sue figure ironiche ed inquite perfetta sintesi visiva. Il mezzobusto del Santo di Enrico Francone recupera San Nicola nella sua dimensione attualissima di “clandestino” e migrante, di cui il Santo di Myra diventa simbolo.


Sede: Spaziogiovani, via Venezia 41 – Borgo Antico Bari
Durata: dal 5 al 23 maggio 2011
Orari: lun/ven 17,30 – 22,30
Sab – dom 10,30-13,30 / 17,30 – 22,30

Ingresso libero
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa di San Nicola: si inaugura domani la mostra d'arte "Nicol(h)aus"

BariToday è in caricamento