menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
©Foto di repertorio

©Foto di repertorio

Sei ventilatori polmonari e quarantamila mascherine chirurgiche: un grande gesto di solidarietà della Puglia alla Terra di Albania

Presso l’Autorità Portuale di Bari, saranno donati i ventilatori polmonari dal Corpo Consolare di Puglia, Basilicata e Molise e dalla F. Divella Spa, industria pastaia e agroalimentare. Un atto di fratellanza e generosità verso il Paese delle Aquile

Emergenza sanitaria: solidarietà della Puglia al Paese delle Aquile. Domani, alle ore 12.00, presso l’Autorità Portuale di Bari, saranno donati 6 ventilatori polmonari dal Corpo Consolare di Puglia, Basilicata e Molise e dalla F. Divella Spa, industria pastaia e agroalimentare. Un gesto, dunque, di solidarietà che intreccia la Puglia alla Terra di Albania, un atto di fratellanza e generosità. Interverranno: Gentiana Mburini, Console Generale dell’Albania; Massimo Salomone, Segretario Generale del Corpo Consolare di Puglia, Basilicata e Molise; Ugo Patroni Griffi, Presidente dell’Autorità di sistema portuale dell’adriatico meridionale e Francesco Divella, responsabile marketing della F. Divella Spa. 

“L’iniziativa di solidarietà, promossa in collaborazione con la F. Divella Spa - spiega Salomone - valorizza gli obiettivi del Corpo Consolare di Puglia, Basilicata e Molise, sodalizio composto da 45 diplomatici tra Consoli generali, Consoli Onorari e vice consoli residenti in Puglia, Basilicata e Molise: Il 21 Settembre di quest’anno celebreremo l'anniversario del cinquantenario, 50 anni di attività diplomatiche e di relazioni internazionali in tre regioni strategiche del Mediterraneo. I dispositivi medici donati sono strumenti tecnologicamente avanzati ed estremamente efficaci, fondamentali per l’ossigenoterapia dei pazienti affetti da insufficienza respiratoria. I ventilatori, sono dotati di specifiche caratteristiche innovative e pertanto idonei a supportare sistemi di ventilazione assistita. Non solo. Saranno consegnate anche 40mila mascherine chirurgiche. Un grande atto d'amore verso i nostri fratelli albanesi. Ringraziamo la F. Divella Spa per il premuroso sostegno e per la straordinaria sensibilità".

“La donazione dei ventilatori per noi rappresenta un gesto concreto di aiuto - aggiunge Francesco Divella, responsabile marketing F. Divella S.p.A. - nei confronti di una popolazione che, come il resto del mondo, sta vivendo una vera e propria emergenza sanitaria. Dalle informazioni in nostro possesso a preoccupare di più le autorità albanesi sono le varianti e l’aumento dei contagi che sta colpendo prevalentemente i giovani. Dunque, ci siamo subito attivati per dare sostegno ad un Paese dove la Divella è presente da tanti anni e ad un popolo che sentiamo molto vicino a noi perché crediamo che in questo periodo occorra sostenersi a vicenda. Il nostro contributo per questa iniziativa, promossa assieme al Corpo Consolare, al Console d’Albania e ai nostri importatori albanesi Agron e Armando Duka, rappresenta un piccolo gesto che può dare un grande sostegno a chi sta soffrendo”.

“Uniti dallo stesso mare. Questo il forte ma liquido legame – conclude Ugo Patroni Griffi, Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale - tra il Bel Paese e il Paese delle Aquile. Sono oramai quasi 30 anni da quando la Puglia ha iniziato a tessere un rapporto speciale, di amicizia e fratellanza, con l'Albania. Oggi, quindi, siamo insieme costretti a combattere un nemico invisibile e subdolo. Fianco a fianco. Quando questa battaglia è iniziata subito gli amici albanesi sono corsi in nostro soccorso. Ora è il momento da parte nostra di dare una mano. E noi come Corpo Consolare grazie all'aiuto del Collega Divella ci siamo ancora una volta. Sicuri che questa amicizia ci rende più forti. Anche quando sarà la volta, finita la Pandemia, di risollevare i nostri Paesi. Insieme sarà più facile. Insieme ce la faremo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento