Mercoledì, 23 Giugno 2021
Attualità

"Evidenze molto buone" per i farmaci anti artite in Puglia contro il coronavirus: 'bloccano' il peggioramento del paziente

Il professor Lopalco: "Devono essere utilizzati in maniera precisa e in un momento preciso della malattia" e riescono a prevenire l'intubazione del malato di covid-19

Le evidenze per i farmaci anti-artite rumatoide nella sperimentazione sui pazienti pugliesi affetti da covid-19 sono "molto buone": ad affermarlo è il professor Pierluigi Lopalco, a capo della task force anti coronavirus in Puglia, nel corso della conferenza stampa sulla presentazione della Fase 2 del piano di contrasto all'epidemia.

Lopalco, rispondendo a una domanda dei giornalisti, ha spiegato che in questi giorni la task force è a "stretto contatto con gli infettivologi". I farmaci anti artite reumatoide, testati con successo a Napoli e in varie parti d'Italia, "devono essere utilizzati in maniera precisa e in un momento preciso della malattia. Hanno un'efficacia molto buona nell'impedire che i pazienti vengano intubati" agendo sull'infiammazione in corso. L'epidemiolgo ha sottolineato che il farmaco ha "prevenuto molti casi" di intubazione per l'aggravarsi della polmonite. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Evidenze molto buone" per i farmaci anti artite in Puglia contro il coronavirus: 'bloccano' il peggioramento del paziente

BariToday è in caricamento