rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Attualità

Curare l'aritmia con la radioterapia: all'ospedale Miulli il primo trattamento in Italia

Per la prima volta la tecnica non invasiva è stata sperimentata su un paziente a rischio imminente di vita: l'intervento è stato realizzato grazie al lavoro di un team multidisciplinare del nosocomio e l'impiego di un acceleratore di ultima generazione

Come intervenire sull'aritmia ventricolare quando la storia cardiaca del paziente non consente di seguire le 'strade'tradizionali (come farmaci, defibrillatori impiantabili, ablazione transcatetere)?. Una possibile risposta arriva dalla radioterapia stereotassica (STAR).

Team multidisciplinare e acceleratore di ultima generazione

Per la prima volta in Italia, un trattamento di questo è stato eseguito all'ospedale Miulli di Acquaviva su un paziente con aritmie ventricolari a rischio imminente di vita. L'intervento - rende noto un comunicato dell'ospedale - è stato realizzato grazie a un lavoro interdisciplinare che ha coinvolto le UOC di Radioterapia Oncologica e di Cardiologia dell’Ente, che hanno effettuato l’innovativo trattamento con l’acceleratore lineare di ultima generazione TrueBeam della Varian. Il paziente ha eseguito una diagnostica pre-trattamento con valutazione aritmologica, TAC, SPECT e PET cardiaca. Il bersaglio da colpire con le radiazioni è stato delineato con estrema precisione grazie alla collaborazione di cardiologi, radioterapisti e radiologi, mentre il piano di trattamento è stato definito ed approvato dal fisico sanitario e dal radioterapista. L’utilizzo dell’acceleratore di ultima generazione TrueBeam, in dotazione dallo scorso giugno all’ospedale Miulli, ha consentito un tempo di trattamento rapidissimo di soli 6 minuti. Questo è stato realizzato con tecnica non invasiva e guidata da una TAC integrata nell'acceleratore che permette di identificare correttamente il bersaglio e di risparmiare i tessuti sani circostanti. Il paziente trattato non solo non ha più avuto interventi con shock del defibrillatore ma ha anche avuto un giovamento in termini di regolarità del ritmo. Egli, infatti, non presenta più le numerosissime extrasistoli ventricolari che peggioravano l’efficienza del suo cuore.

Un trattamento non invasivo di delicata esecuzione

La radioterapia stereotassica (STAR, STereotactic Arrythimas Radioablation) è un trattamento radiante mirato su aree di tessuto cardiaco danneggiato, ma non completamente morto, che creano cortocircuiti elettrici alla base delle aritmie maligne. La STAR somministra una dose elevata (25Gy in singola seduta), precisa e mirata di radiazioni che produce un danno tissutale, dovuto in parte alla rottura del DNA e in parte al danno vascolare. Ne consegue una morte cellulare che si completa nell’arco di 4-6 settimane. Facile a dirsi, molto meno a farsi perché il bersaglio che riceve le radiazioni si muove. Il cuore batte di continuo e si muove anche per i movimenti respiratori. Particolari materassi che assumono la forma del paziente immobilizzandolo e speciali tecniche di IGRT (radioterapia guidata dalle immagini) minimizzano il problema dei movimenti. Una delle prime esperienze del trattamento STAR è stata pubblicata sulla prestigiosa rivista New England Journal of Medicine. I primi 5 pazienti al mondo trattati hanno ricevuto grandi benefici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Curare l'aritmia con la radioterapia: all'ospedale Miulli il primo trattamento in Italia

BariToday è in caricamento