menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Decaro posta la foto di Londra libera dal lockdown Covid e chiede scusa ai baresi: "Abbiamo commesso errori"

Il primo cittadino: "Quella è Londra e invece dovrebbe essere Bari, quella è Inghilterra invece dovrebbe essere Italia. Sì, perché quelle che vediamo in foto non sono scene da un'altra vita. Quella è la nostra vita. Ci spetta di diritto. E dobbiamo riprendercela"

"Vi chiedo scusa per gli errori che ho commesso, per le decisioni sbagliate, per quelle prese troppo tardi, per quelle non prese. E potrei dire che un sindaco non ha competenze in materia di vaccinazione, o non può costringere le aziende farmaceutiche a rispettare gli accordi, o non può far funzionare gli ospedali o far ripartire l’economia. Ma non voglio alibi. Perché se la situazione è ancora difficile, un uomo delle istituzioni ha il dovere di assumersene la responsabilità": è un estratto del lungo post, su facebook, del sindaco di Bari Antonio Decaro che ha pubblicato una foto di Londra in questi giorni. Un'immagine che sembra provenire dal pre-pandemia, con tavolini affollati di gente a prendere un aperitivo o a pranzare in compagnia, senza mascherine e all'aperto. Merito della campagna vaccinale che ha stroncato i casi di coronavirus nel Regno Unito.

In Italia, invece, bisognerà ancora attendere nonostante le primissime e graduali aperture previste dal 26 aprile nelle zone gialle: "Questa foto - dice Decaro - non è di due anni fa. È del 12 aprile del 2021. E io non riesco a crederci. Centinaia di persone per strada, sedute ai tavolini, quasi tutte senza mascherina. Sembrano scene da un’altra vita. Invece è semplicemente Londra. Dove qualche giorno fa le autorità scientifiche hanno dichiarato raggiunta l'immunità di gregge".

"Mentre guardo questa foto  - rimarca - mi scorrono veloci davanti agli occhi le immagini delle nostre strade vuote, della disperazione dei manifestanti in piazza in questi giorni, delle mie figlie chiuse nelle proprie stanze costrette a cercare i loro amici negli schermi di un cellulare o di un pc. E mi sento triste, impotente, vorrei spaccare qualcosa, prendermela con qualcuno. E invece l'unica cosa che posso fare, io che rappresento un'istituzione, è prendermela con me stesso. E chiedere scusa a tutti voi, miei concittadini. Quello che posso dirvi è che, con tutti i miei limiti, io ce l’ho messa tutta, ogni giorno, da tredici mesi a questa parte, per provare a fare il possibile per contrastare questa maledetta sciagura. Ora i contagi stanno diminuendo e la campagna vaccinale finalmente sembra aver imboccato la strada giusta, ma io continuo a guardare questa foto e a chiedervi scusa. Perché quella è Londra e invece dovrebbe essere Bari, quella è Inghilterra invece dovrebbe essere Italia. Sì, perché quelle che vediamo in foto non sono scene da un'altra vita. Quella è la nostra vita. Ci spetta di diritto. E dobbiamo riprendercela" conclude Decaro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento