Eclissi lunare, fotografato dal capoluogo l'impatto di un asteroide: "Bagliore visibile sulla superficie"

Nunzio Micale, presidente del Gruppo astrofili dauni, ha catturato con il suo telescopio la traccia dell'esplosione del corpo celeste, avvenuta alle 5.41 del 21 gennaio

L'area vicina al cratere catturata prima, durante e dopo l'impatto del meteorite (Foto di Nunzio Micale)

Magia nella magia. Non c'è stata solo l'eclisse lunare a segnare un particolare momento astronomico nella mattinata di lunedì 21 gennaio, ma anche un secondo - e più raro - fenomeno direttamente collegato alla luna rossa che ha catturato l'attenzione di tanti curiosi e appassionati in Puglia. Alle 5.41, poco dopo l'inizio della totalità dell'eclisse, un asteroide ha colpito la superfice dell'astro, provocando un piccolo bagliore di luce, visibile a coloro che avevano una strumentazione adeguata.

"Abbiamo avuto ieri la conferma - spiega Nunzio Micale, che con il suo telescopio ha fotografato l'effetto visivo dell'impatto nelle vicinanze del 'cratere Grimaldi' - perché altri gruppi di astrofili e astronomi hanno confermato di aver visto il bagliore. Inizialmente si pensava fosse un errore di un sensore durante una diretta streaming internazionale". Un fenomeno abbastanza raro, come conferma il giovane astrofilo: "Nonostante l'Esa - European space agency, ndr - abbia calcolato che ogni ora ci sono circa otto asteroidi che finiscono sul suolo lunare, è difficile riuscirli a distinguere, se non nella parte scura della luna. Invece è stata visibile a tutti quel giorno, proprio perché c'era l'eclissi, ecco perché questo è stato definito un 'avvistamento democratico'".

meteorite luna eclissi-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dalla grandezza del puntino di luce, rimasto visibile per una frazione di secondo, si stima che il diametro del asteroide sia di circa un metro. "Questo accade - conclude Micale - perché non essendoci atmosfera sulla luna, le masse rocciose che viaggiano nello spazio non vengono bruciate prima di impattare, come avviene sulla Terra. In quel caso si genera invece il fenomeno delle stelle cadenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' positivo al Covid ma va al lavoro al ristorante: scoperto 21enne, era in quarantena con l'intera famiglia

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • Riaprono le regioni, da domani via libera agli spostamenti: obbligo di segnalazione per chi arriva in Puglia

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

  • Il sindaco Antonio Decaro ospite da Mara Venier a Domenica In: "A Bari solo 56 contagiati. Pugliesi bravissimi nella fase 1"

Torna su
BariToday è in caricamento