menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La polizia scientifica si racconta a 150 studenti baresi: i ragazzi diventano investigatori in una finta scena del crimine

La dimostrazione è avvenuta al Centro polifunzionale della polizia di Stato in via Cacudi. Con il progetto 'Virtute e conoscenza' sono stati organizzati incontri in tutta Italia con esibizioni interattive

Una finta 'scena del crimine' in cui sono gli studenti, attraverso le conoscenze acquisite, a dover risolvere il caso. È una delle attività a cui hanno partecipato 150 alunni delle scuole di Bari e provincia nell'ambito del progetto nazionale 'Virtute e Conoscenza', organizzato dalla polizia di Stato per far capire ai ragazzi come lavora e le metodologie impiegate dalla polizia scientifica.

L'incontro a Bari

A Bari l'incontro, che ha coinvolto l'istituto Tecnico Tecnologico "Nervi-Galilei" di Altamura, l'istituto tecnico economico statale "Francesco Maria Genco" di Altamura, il liceo scientifico - istituto tecnico tecnologico "Luigi Dell'Erba" di Castellana Grotte e l'istituto tecnico tecnologico "M. Panetti" di Bari, si è tenuto in mattinata al Centro polifunzionale della Polizia di Stato, in via Cacudi. Durante l'incontro sono stati proiettati alcuni video relativi all'attività della Polizia Scientifica e sono stati realizzati stand espositivi con i quali gli studenti hanno scoperto le attrezzature utilizzate dalla Polizia Scientifica, capire quando vengono utilizzate e conoscere il loro funzionamento attraverso l'attività esplicativa degli operatori. Tra le materie trattate ci sono: indagini grafiche e falso documentale, chimica, balistica, dattiloscopia e tanto altro saranno le materie trattate. Sarà allestita una "Scena del Crimine" e saranno esposti i mezzi specializzati della Polizia Scientifica, il Moving Lab ed il Full Back. Al termine della visita, quando ormai gli studenti erano diventati "esperti investigatori della scena del crimine", è andato in scena il gioco investigativo “Scientificando", che prevede il coinvolgimento diretto delle scolaresche: sono stati proiettati video relativi a casi concreti che gli studenti hanno risolto individuando la risposta corretta tra quelle sottoposte nell’ambito di un quiz a risposta multipla.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento