Dal 'veloservice' al noleggio auto a emissioni zero: le buone pratiche della mobilità sostenibile in mostra sul Treno verde

Fino a domenica nella stazione centrale fa tappa il convoglio di Legambiente. "A Bari le polveri sottili sono nei limiti" assicura il portavoce dell'iniziativa

Dal 'veloservice' per i turisti, accompagnati alla scoperta della città a bordo di un risciò, alla rete di colonnine di ricarica per le auto elettriche nelle strutture ricettive e nei punti di interesse del territorio, per offrire anche un servizio di noleggio auto a emissioni zero. Sono solo due delle buone pratiche pugliesi per la mobilità sostenibile di cui si è parlato questa mattina a bordo del Treno verde di Legambiente, che fino a domenica farà sosta al binario 4 Ovest della stazione centrale di Bari. Un viaggio che come ogni tocca le diverse città della penisola, per raccontare la mobilità sostenibile e parlare di come ridurre l’inquinamento dando voce ai tanti protagonisti che già percorrono questa strada.

"Polveri sottili nei limiti"

In Puglia la qualità dell'aria è buona: la conferma è arrivata dal portavoce del Treno Verde, Mirko Laurenti, che ha commentato i dati sulla quantità di polveri sottili registrati nei vari capoluoghi di provincia, come annualmente avviene in occasione dell'arrivo del Treno verde. Anche a Bari, quindi, non è stato superato il limite delle polveri sottili (PM 10).

Proprio riguardo all'assenza di polveri sottili, l'assessore regionale alla Mobilità e Infrastrutture Gianni Giannini, ha tenuto a sottolineare l'impegno della Regione per promuovere, per esempio, il cambio di abitudini dei pendolari. "Aumentano i fruitori del sistema trasportistico su ferro - ha detto -. La Puglia è inoltre impegnata in una azione di massiccio rinnovo del materiale rotabile sia su ferro che su gomma". Giannini ha poi ricordato non solo l'arrivo a breve di nuovi treni, ma soprattutto l'acquisto di 420 bus extraurbani Euro 6, che hanno sostituito gli Euro 0 e Euro 1, i 68 milioni destinati all'acquisto di bus urbani, per la sostituzione delle flotte che avevano una età media di oltre 20 anni e che ora scenderà a 7,5. "Una rivoluzione - ha rilevato - che qualifica l'offerta anche sotto il profilo del rispetto dell'ambiente per almeno i prossimi 15 anni".

Le buone pratiche presentate

Inoltre, sul Treno Verde, autorità, cittadini, aziende e start up stanno firmando il Manifesto per una mobilità a zero emissioni, dieci impegni per cambiare volto alle aree urbane e dare avvio a questa rivoluzione, a partire dall’adozione in ogni città di ambiziosi Piani Urbani di Mobilità Sostenibile: spostarsi con il mezzo di trasporto più utile e senza inquinare; promuovere viaggi a piedi; riconquistare zone da togliere alle auto, per ridisegnare lo spazio come bene comune, puntando innanzitutto sulla sicurezza; muoversi con più mezzi e con la sharing mobility per una mobilità socialmente sostenibile e con zero inquinamento.

"E’ necessario promuovere una mobilità a zero emissioni e dare visibilità alle buone pratiche sul territorio come stiamo facendo oggi sul treno verde", ha detto il portavoce del Treno Verde, Mirko Laurenti. "Bari - continua Laurenti - sicuramente è una delle città del Sud che ha mostrato segni di maggiore vitalità per gli sforzi fatti sulle piste ciclabili, il bike sharing ed il trasporto pubblico per raggiungere maggiori livelli di mobilità sostenibile. Eppure gli impegni presi dell’amministrazione solo in parte si sono realizzati e restano ancora varie criticità di cui avremo modo di parlare nel corso di questi giorni". "Le buone pratiche che abbiamo presentato oggi dimostrano che anche in Puglia c’è voglia di cambiamento nel modo di intendere la mobilità interna e gli spostamenti nelle nostre città - ha sottolineato Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia -. Esperienze, è bene ribadirlo, che generano nuovi posti di lavoro e vantaggi sociali, oltre che ambientali"

Queste sono le buone pratiche di mobilità sostenibile presentate oggi a bordo del Treno Verde:

Veloservice promuove uno stile di vita responsabile, grazie a mezzi ecosostenibili a emissioni zero. L’azienda propone tour guidati per le strade di Bari, per un turismo ecologico ed esperienziale che favorisce una mobilità lenta. L’obiettivo è far conoscere la città e le zone limitrofe in risciò, in sella o a bordo di un segway, mostrando un modo nuovo di fare impresa.

Ciclomurgia propone servizi variegati al cicloturista, tutelando l’ambiente e promuovendo il patrimonio naturalistico e culturale del territorio, in particolare dell’Alta Murgia. I percorsi cicloturistici mirano a creare una rete tra gli imprenditori locali e un "Marchio di Qualità" dei servizi offerti, attraverso cui i consorziati al "Marchio" (aziende ricettive e agriturismi) usufruiscono di una formazione sulla gestione della domanda cicloturistica e sui fondamenti di ciclo-meccanica, per garantire al turista un’adeguata assistenza tecnica.

Pin Bike è il primo sistema certificante sul territorio, per il rilascio di benefit a chi predilige la bicicletta e il carpooling (l'auto condivisa). Sulla ruota della bicicletta viene installato un particolare dispositivo che monitora e registra gli spostamenti, incentivando la mobilità dolce. Il sistema non prevede circolazione diretta di denaro, ma iniziative di raccolta punti. I buoni mobilità vengono riscattati dagli utenti tramite codici da spendere nei negozi locali.

FIGO ITALY – Free Intelligent Go è un progetto centrato sulla produzione e diffusione di mezzi elettrici a due ruote con tecnologia di stabilizzazione dinamica ed auto-bilanciato, per una mobilità a zero emissioni. L’azienda promuove un concetto innovativo di mobilità sia in ambito pubblico che privato, selezionando prodotti a trazione elettrica tra cui biciclette a pedalata assistita, scooter elettrici, hoverboard, skatebord elettrici.

L’azienda SAGELIO promuove una mobilità sostenibile che fa leva sullo sviluppo turistico del territorio. Punta sulla mobilità elettrica e delle stazioni di ricarica a un livello successivo, creando una rete connessa di colonnine di ricarica nelle strutture ricettive e nei punti di interesse del territorio, proponendo anche un servizio di noleggio auto a emissioni zero. Nel 2018 sono dieci le stazioni di ricarica in tutta la Regione, in crescita le auto a emissioni zero. Un sistema semplice e volto ad accelerare l’avvento dell’e-mobility in Puglia.

GTS ha messo a punto un sistema di trasporto ecologico e socialmente compatibile, per contrastare le polveri sottili. È un sistema di trasporto merci intermodale (strada/treno) ad alta integrazione verticale (locomotive, carri, casse mobili, trucking, terminal), che permette di abbattere le emissioni CO2 del 75% rispetto a un trasporto effettuato interamente su strada, riducendo inquinamento, intasamenti e tempi di trasporto.

Psykoboard è una start up innovativa che ha brevettato uno skate elettrico totalmente in fibra di carbonio, costruito a mano tramite un sistema usato in aeronautica. L’obiettivo è unire la passione per gli skateboard alla mobilità urbana quotidiana, per evitare lo stress del traffico cittadino e al tempo stesso rispettare l’ambiente. Un sistema che rispecchia il concetto di Smart Mobility.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

  • Verso il Dpcm del 3 dicembre, tra ipotesi di nuove restrizioni e deroghe per i ricongiungimenti familiari

  • "Puntiamo alla zona gialla". Decaro: "Con misure meno restrittive per un Natale più sereno"

  • Folle inseguimento a 120 km/h per le strade di Carbonara: arrestato pregiudicato 33enne

Torna su
BariToday è in caricamento