"Assi di sviluppo" e un 'polmone verde' tra Japigia e la costa: il futuro del lungomare sud in un Concorso di idee

Presentata la gara internazionale per realizzare una progetto di riqualificazione urbanistica destinato a rivoluzionare il rione e la litoranea in vista dello spostamento dei binari ferroviari

Assi longitudinali da riqualificare e migliorare, incrociandoli con altrettanti, latitudinali, dal mare verso l'interno e viceversa, dove sviluppare ambiente, servizi e accessibilità in funzione della costa - Incroci urbanistici destinati a pianificare la costa sud di Bari, tra il ponte Di Vagno e San Giorgio, rinnovando anche il quartiere Japigia dove spazi vuoti  si alternano a schiere di palazzine recintate, con pochi servizi concentrati in altrettanti limitati punti. Il Comune di Bari fa un passo avanti nel ridisegnare il futuro di un'importante area della città che comprende circa 50mila abitanti ma si estende su una superficie notevole. Nei prossimi giorni sarà infatti avviato ufficialmente il Concorso Internazionale di Idee per immaginare una nuova pianificazione, alla luce delle necessità dei quartieri e della città, ma anche delle prospettive legate alla cancellazione dei binari sulla zona sud del capoluogo, liberando finalmente Japigia dal 'muro' di ferro che la divide attualmente dalla costa. Questione di anni, certo, ma il Comune, d'intesa con la Regione che finanzia il concorso, comincia a porre le basi per dare un volto nuovo a un'area strategica per lo sviluppo di Bari.

"Troppi spazi incolti e strade di scorrimento"

Il concorso, totalmente telematico, prevederà un premio di 25mila euro per il progetto vincitore, con la possibilità che questo possa diventare esecutivo. La 'traccia' di gara prevede non solo soluzioni per la fruizione della costa, ma anche per le vie d'accesso da Japigia al lungomare, tenendo conto di un asse dei 'servizi' formato da Polivalente, piastra commerciale di via Toscanini e nuova sede della Regione Puglia, ma anche di un percorso per i servizi sportivi e di un altro 'verde' che da via Caldarola, lungo il torrente Valenzano, vede l'approdo tra Torre Quetta e Pane e Pomodoro, lì dove, tra pulizia non sempre al meglio e desolazione attuale, nidificano uccelli e vi è persino una sorgente: "Ciascuna di queste presenze - spiega l'assessore cittadino all'Urbanistica, Carla Tedesco - è frammentata e necessita di connessioni trasversali. A Japigia, in particolare, si vive il problema di aver concentrato i servizi in un unico luogo al chiuso, non connesso con il resto del quartiere che, comunque, ha enormi spazi incolti e strade di difficile attraversamento.  Ricucire il rione al mare, inoltre, prevederà la realizzazione di un 'polmone verde' da 60 ettari con aree di svago, orti urbani e percorsi naturalistici. Non un parco sul modello di largo 2 giugno, bensì un'area diffusa dove poter coniugare ambiente e cura del territorio.

"Non è un patchwork urbanistico"

Tra i punti nodali del progetto, ovviamente, l'individuazione di alcune priorità, tenendo conto che l'asse dei servizi è già stato previsto e pensato: "Non si tratta di un patchwork - aggiunge Tedesco -. I nuovi tessuti urbani dovranno essere densi realizzando servizi e relazioni umane". Il concorso, ovviamente, si inserisce nel più ampio progetto del Piano Urbanistico Generale, atteso da anni: "Vi sono - dice il sindaco Antonio Decaro - tanti punti fermi condivisi con gli esperti del Pud e del piano coste. E' un intervento anticipatore e tiene dentro gli elementi di un'intera politica riguardante 46 kg di litorale cittadino". Una delle suggestioni principali sarà il nuovo look del fronte mare non appena spariranno i binari: "La strada litoranea - aggiunge il primo cittadino - potrà essere ridisegnata. vedremo anche quale soluzione adottare, se riutilizzare in parte i binari per un tram del mare o per altre idee riguardanti la mobilità". I risultati del concorso arriveranno entro fine anno. Dopodichè la strada sarà tracciata, in attesa che si sciolga il nodo ferroviario che soffoca da decenni lo svlluppo di Japigia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia resta 'zona arancione', la decisione del ministro Speranza: misure confermate

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Folle inseguimento a 120 km/h per le strade di Carbonara: arrestato pregiudicato 33enne

  • Calano le occupazioni delle terapie intensive covid in Puglia: migliora anche il trend dei contagi sui tamponi eseguiti

  • Spostamenti ingiustificati fuori Comune, cibi e bevande consumati nei pressi di bar e locali: controlli anticovid e multe nel Barese 

Torna su
BariToday è in caricamento