Ragazzi autistici ai fornelli: la passione per la cucina diventa opportunità di lavoro

Il progetto 'Voglio andare lontano', promosso dall'associazione 'Dalla Luna' con Ad Horeca di Modugno, sarà finanziato attraverso il crowdfunding

Avviare i ragazzi autistici ad un percorso di formazione della ristorazione, per trasformare la passione per la cucina in un'opportunità di lavoro. Si chiama 'Voglio andare lontano' il progetto promosso dall'associazione 'Dalla luna' con l'azienda Ad Horeca di Modugno. L'iniziativa è sostenuta da una campagna di crowdfunding (10/05-19/06 2018) sulla piattaforma nazionale Eppela.

“Voglio andare lontano”, coordinato dalle terapiste di Dalla Luna Sara Alfio e Sabrina Dellino, prevede un percorso di formazione dedicato a 16 ragazzi autistici tra i 14 e i 30 anni, nella sede di Ad Horeca a Modugno (Bari). Nelle 50 ore di formazione i ragazzi impareranno a realizzare un menù completo e una drink list, per poi organizzare una serata pubblica tutta gestita da loro, con il supporto di alcune figure professionali tra trainer, psicologi e terapisti ABA.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La dott.ssa Maria Graziano, Psicoterapeuta e Analista Comportamentale BCBA di Dalla Luna ha spiegato così la nascita del progetto: "Che cosa faranno i nostri ragazzi più grandi una volta terminata la scuola? Tutti i giorni ci troviamo ad affrontare questa realtà e a cercare di costruire qualcosa che possa permettere loro di integrarsi nella società in maniera funzionale e utile, attraverso percorsi lavorativi. Da questa necessità, che noi professionisti per primi abbiamo sperimentato insieme alle famiglie dei bambini e dei ragazzi che seguiamo con Dalla Luna, è nato il progetto ‘Voglio andare lontano’. Siamo partiti dall’osservare i loro interessi e quello che abbiamo scoperto è che a molti dei nostri ragazzi piace cucinare. Abbiamo avuto la fortuna di poter unire le forze con Ad Horeca, per realizzare un percorso formativo all’interno della loro azienda con i loro trainer professionisti.” 
 
Per dare ai ragazzi con autismo l’opportunità di essere formati dai migliori professionisti in maniera completamente gratuita per le loro famiglie, il progetto è accompagnato da una campagna di crowdfunding, partita il 10 maggio sulla piattaforma Eppela (eppe.la/17884) . La raccolta fondi ha l’obiettivo di raccogliere 3mila Euro e terminerà il 19 giugno. La cifra raccolta nel corso dei 40 giorni verrà assegnata a Dalla Luna solo se l’obiettivo prefissato verrà completamente raggiunto.  I 3mila Euro richiesti coprono solo una minima parte utile a coprire il progetto. 
 
Per permettere ad un numero maggiore di ragazzi di partecipare al progetto e usufruire di un numero maggiore di ore di formazione, i costi sarebbero più elevati (circa 15mila Euro) rispetto all’obiettivo prefissato della campagna. Per questo Dalla Luna invita tutti a donare piccoli e grandi contributi per andare oltre i 3mila Euro e aiutare l’associazione ad estendere questa opportunità. 
 
Come spiega il dott. Guido D’Angelo, Psicoterapeuta e Analista Comportamentale BCBA di Dalla Luna "l'idea progettuale nasce dalla sempre più crescente esigenza delle famiglie delle persone diversamente abili, e dei soggetti stessi, di intraprendere iniziative concrete tese all’integrazione e all'inserimento sociale di persone con sindrome di autismo e varie disabilità cognitive. E il bello, questa volta, con il lancio dell'operazione 'cowdfunding' è che l'aiuto diventa 'diffuso'!".  La campagna di crowdfunding, infatti, è anche un modo per sensibilizzare e dimostrare che siamo tutti coinvolti nell’inclusione sociale delle persone con autismo.  Donare un contributo libero o scegliere tra le ricompense tra i 5,00 e i 50,00 Euro programmate proposte nella campagna di raccolta fondi online, rappresenta un gesto di partecipazione al processo di inclusione della neurodiversità. L’iniziativa è formativa non solo per i ragazzi autistici, che si trovano a misurarsi con l’apprendimento di nuove abilità pratiche e sociali, ma anche per la comunità che prende parte al progetto attraverso il proprio contributo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tre 'mini zone rosse' a Bari vecchia, nell'Umbertino e a Poggiofranco: "No alla movida, controlli già da stasera"

  • Nuova stretta anticovid, entro domenica un altro Dpcm? Stop alle 22 per i ristoranti, no ai centri commerciali nel weekend

  • Fermare l'aumento dei contagi ed evitare il lockdown, oggi il nuovo dpcm: verso coprifuoco alle 22 e orari scaglionati per le scuole

  • 'Caffè' al banco vietato dalle 18 dopo il nuovo Dpcm, la prima multa a Bari è per un bar del centro

  • Da lunedì stop alla didattica in presenza per gli ultimi 3 anni delle superiori, Emiliano: "Rallentiamo i contagi covid"

  • Zone rosse anti movida, Decaro attacca il governo e il nuovo Dpcm: "Inaccettabile scaricare responsabilità sui sindaci"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento