rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
Attualità

Fondi ministeriali per gli spettacoli dal vivo nelle periferie, mezzo milione di euro assegnato a Bari

La somma sarà affidata, tramite bandi dell'amministrazione comunale, alle attività professionali che operano nel settore dell'intrattenimento da almeno tre anni. L'assessora Pierucci: "Cifra inferiore rispetto a quella dell'anno scorso, ma comunque ingente"

Mezzo milione di euro assegnato al Comune di Bari per sostegno di attività di spettacolo dal vivo nelle aree periferiche della città metropolitana. Il ministero della Cultura finanzierà i progetti dell'amministrazione locale con 553.911 euro. Le risorse saranno affidate, attraverso procedura pubblica, a organismi finanziati nell’ambito del Fondo unico per lo spettacolo e attività professionali operanti nel settore dello spettacolo dal vivo da almeno tre anni.

I vincitori dei bandi comunali dovranno garantire interventi finalizzati alla valorizzazione del patrimonio culturale nelle aree periferiche mediante attività di spettacolo anche di carattere innovativo, finalizzate all’inclusione culturale e sociale, svolte nel rispetto delle tutele occupazionali e dei contratti di categoria. I fondi dovranno servire anche per realizzare azioni di riequilibrio territoriale attraverso il rafforzamento dell’offerta culturale svolte nel rispetto delle tutele occupazionali e dei contratti di categoria. Le somme stanziate, infine, saranno affidate a chi garantisca la promozione di iniziative formative e l'attivazione di laboratori dedicati alle arti performative.

"Nell’ambito della programmazione dell’offerta culturale del 2023 - commenta l'assessora, Ines Pierucci - l’assessorato alle Culture potrà contare, anche quest’anno, su risorse straordinarie che il Ministero ha riconosciuto anche alla città di Bari, grazie al lavoro svolto con la rete degli assessori delle città italiane ad alta vocazione turistica fondata durante la pandemia. La misura nasce per garantire sostegno alle attività di spettacolo dal vivo che  promuovano inclusione sociale, riequilibrio territoriale e tutela occupazionale nelle aree periferiche della città. Sebbene i fondi disponibili siano inferiori a quelli stanziati lo scorso anno, si tratta comunque di un importo ingente che riteniamo di poter integrare con ulteriori risorse rivenienti dal Poc Metro, in modo tale da poter abbracciare temporalmente la programmazione estiva, quella autunnale nonché di fine anno 2023".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondi ministeriali per gli spettacoli dal vivo nelle periferie, mezzo milione di euro assegnato a Bari

BariToday è in caricamento