Una vita per aiutare i giovani del quartiere Libertà, Bari intitola strada a Stefano Speranza

Ingegnere scomparso a soli 36 anni nel 1986, attivo nel rione al servizio dei ragazzi più poveri. La cerimonia è stata promossa dall'Unione ex allievi Don Bosco - Istituto Salesiano Redentore e dal Comune

Il Comune di Bari ha intitolato una strada del quartiere Libertà a Stefano Speranza, ingegnere scomparso a soli 36 anni nel 1986, attivo nel rione al servizio dei ragazzi più poveri. La cerimonia, promossa dall'Unione ex allievi Don Bosco - Istituto Salesiano Redentore e dal Comune, ha visto l'intitolazione di un tratto di strada di via Libertà, tra via don Bosco e via Scipione l'Africano. Alla cerimonia, alla presenza dei famigliari, sono intervenuti  l’assessore Giuseppe Galasso, il presidente del Municipio I Lorenzo Leonetti e l'ex consigliere comunale Massimo Maiorano. 

“È giusto che le strade e i muri della città portino il nome dei cittadini che hanno amato la comunità che ha attraversato questi luoghi – ha commentato l’assessore Galasso –. Stefano Speranza non ha solo amato questo quartiere e questa città, ma ha anche dedicato parte del suo tempo e della sua vita per far si che la comunità barese e del quartiere Libertà crescesse, investendo energie nella cura dei più piccoli e dei giovani, nel solco degli insegnamenti di Don Bosco e dello straordinario lavoro che i Salesiani portano avanti per le persone che vivono un momento di difficoltà sociale, economica e umana della nostra città”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Speranza nacque a Bari il 5 luglio 1950. Dopo aver frequentato le elementari nella scuola Maria Josè, attualmente complesso Don Bosco, frequenta le scuole medie presso l’Istituto Giovanni Pascoli e il liceo scientifico allo Scacchi, sempre a Bari. Subito dopo la laurea, nonostante una malattia gravissima (la sclerosi a placche), che gli rende difficile ogni movimento e poi lo rende completamente immobile, svolge la professione di ingegnere alle dipendenze di una società per la quale è autore di progetti che vengono realizzati anche all’estero. Cresciuto nell’ambiente dell’Oratorio Salesiano di Bari, si fa promotore di iniziative nel quartiere Libertà di Bari, il suo quartiere, consentendo a ragazzi indigenti di superare le difficoltà della loro vita familiare e di inserirsi a pieno titolo nella vita sociale.  Promuove e mette su, nel quartiere Libertà, senza concorso di contributi di alcuna specie, un gruppo di ascolto per le famiglie, composto da giovani psicologi e volontari. Tutto questo mentre la malattia progredisce fino a renderlo immobile, costringendolo a comunicare con l’esterno solo attraverso il movimento delle palpebre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Puglia undici nuovi casi: cinque contagi registrati nel Barese, i pazienti positivi salgono a 170

  • Coronavirus, in Puglia obbligo di quarantena per chi rientra da Malta, Grecia e Spagna

  • Coronavirus, salgono i nuovi contagi in Puglia: oggi sono 26, undici in provincia di Bari

  • Sei turisti del Lussemburgo in vacanza a Monopoli positivi al covid: il test prima di partire per la Puglia

  • Venti nuovi casi di covid in Puglia, nove nel Barese: "Cittadini rientrati da Grecia, Malta e Lombardia"

  • Lotta al coronavirus, in Puglia torna obbligo mascherine in luoghi aperti affollati e discoteche

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento