Attualità

Viabilità più scorrevole a Santa Caterina e area artigianale valorizzata: approvate due delibere in Giunta

La prima prevede un nuovo tracciato di immissione tra la tangenziale e la nuova rotatoria in zona, mentre la seconda riguarda il piano degli insediamenti produttivi di Santa Caterina

Strada Santa Caterina (fonte Google Maps)

Un nuovo tracciato di immissione tra la SS16 (in direzione nord) e la nuova rotatoria di Santa Caterina, che verrà modificata nella sua geometria. È la prima delle due delibere approvate in giornata dalla Giunta comunale relative al miglioramento della viabilità nella zona a sud della SS 96 e allo sviluppo dell'area P.I.P. L'intervento di variante, come spiegato in una nota del Comune, prevede anche la modifica di alcuni sensi di marcia del traffico, effettuata sulla base di uno studio con “micro simulazione” del traffico della zona. Soluzione progettuale su cui la ripartizione IVOP ha espresso parere, "prescrivendo di allargare il marciapiedi da realizzare sul lato destro (in direzione Bari) - si legge in una nota - in uscita dalla rotatoria, di aumentare la segnaletica stradale verticale, di minimizzare le interferenze con la viabilità comunale". Le spese di manutenzione della viabilità eseguita, comprese le bretelle dell’ANAS, fino al collaudo e alla presa in consegna delle opere di competenza comunale e dell’ANAS restano a carico del soggetto attuatore.

In giornata l'Assise cittadina ha poi approvato una seconda delibera, che sarà sottoposta ad approvazione del Consiglio comunale: riguarda il piano degli insediamenti produttivi di Santa Caterina con la concessione in proprietà delle aree, già concesse in diritto di superficie, secondo l’adeguamento dei criteri tariffari da corrispondere all’amministrazione. "Si tratta di due provvedimenti che hanno l’obiettivo da un lato di valorizzare e migliorare la fruibilità degli insediamenti produttivi e artigianali di Santa Caterina, dall’altro di garantire agli attuali artigiani e imprenditori, concessionari delle aree, di acquisirne la proprietà in modo da poter avviare opere di valorizzazione e nuovi investimenti - commenta Antonio Decaro -. Per quanto riguarda, invece, i criteri per la cessione in proprietà delle aree già assegnate, crediamo possa essere uno strumento per permettere agli artigiani di valorizzare e rilanciare gli insediamenti produttivi con i relativi investimenti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viabilità più scorrevole a Santa Caterina e area artigianale valorizzata: approvate due delibere in Giunta

BariToday è in caricamento