Lunedì, 2 Agosto 2021
Cronaca

300 studenti in visita alla mostra "I luoghi della memoria" allestita all’interno del Gran Shopping Mongolfiera

300 gli studenti delle scuole medie che hanno incontrato l’ass. regionale alba sasso il direttore dell’ipsaic prof. vito antonio leuzzi e il fotografo vincenzo catalano in occasione della mostra “i luoghi della memoria allestita all’interno del gran shopping mongolfiera

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Hanno seguito con grande attenzione e coinvolgimento gli interventi dell'Ass. regionale all'Istruzione Alba Sasso, del Professor Vito Antonio Leuzzi e del fotografo barese Vincenzo Catalano gli studenti delle scuole medie di Trani e Molfetta che, hanno visitato la mostra "I Luoghi della Memoria". Allestita il 27 gennaio all'interno del centro commerciale Gran Shopping Mongolfiera di Molfetta, altro non è che un meraviglioso ed emozionante reportage fotografico sulla storia dei campi di Auschwitz e Birkenau, promosso per la prima volta in Italia, all'interno di un centro commerciale.

Le fotografie resteranno in esposizione fino al 27 febbraio per offrire al visitatore l'opportunità di riflettere sulle responsabilità del passato.

Ampi consensi dell'Assessore Sasso e apprezzamenti al Direttore del centro commerciale Mongolfiera Walter Levati, per un'evento di tale spessore in un luogo deputato all' incontro, al divertimento e al commercio. Una chiacchierata disinvolta con i ragazzi per comprendere il loro stato d'animo rispetto a questi eventi drammatici.

Il Professor Leuzzi ha parlato ai ragazzi dei tanti luoghi pugliesi in cui i profughi e i sopravvissuti trovarono conforto " erano migliaia - ha detto - almeno fino al 1947, da Nardò, a Mondonuovo, Santa Caterina, Santa maria al Bagno e Santa Cesarea terme".

"Credo proprio che nell'intera storia dell'umanità non ci sia dramma consumato in modo più crudele e spietato ai danni dell'uomo", ha aggiunto Walter Levati, spiegando agli studenti il dovere di non dimenticare

Anche l'autore della mostra, con enorme coinvolgimento ha spiegato tanti dettagli di quel periodo che talvolta i libri di storia non riportano. Ha parlato di Primo Levi, l'uomo che per primo il 27 gennaio del 1945, accolse davanti ai cancelli di Auschwitz le truppe sovietiche dell'armata rossa.

La mostra ricostruisce la storia dei campi di Auschwitz e Birkenau, Centoventi fotografie che ci mettono davanti agli orrori commessi in quei luoghi più delle parole e, richiamano i momenti di vita quotidiana nel lager: il risveglio brutale, l'allineamento sul piazzale dell'appello, le marce forzate a piedi nudi nella neve, le capanne fatiscenti, le fucilazioni, i forni. L'incontro è stato moderato dalla giornalista Patrizia Camassa

Tutte le foto sono certificate dal Museo Statale di Auschwitz Birkenau e riportano il logo del Museo con la dicitura PATRIMONIO MUNDIAL - PATRIMOINE MONDIAL - WORL HERITAGE.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

300 studenti in visita alla mostra "I luoghi della memoria" allestita all’interno del Gran Shopping Mongolfiera

BariToday è in caricamento