rotate-mobile
Cronaca

Uniba, il Senato Accademico: "Non presenteremo progetti per il bando di Cooperazione Italia-Israele"

L'organo dell'Ateneo di Bari ha ribadito oggi il ripudio della guerra nel rispetto dell’articolo 11 della Costituzione della Repubblica Italiana. Il rettore Bronzini: "L’Università è per definizione luogo di dibattito e riflessione aperta alla collaborazione con studiosi e atenei di tutto il mondo"

L'università di Bari non presenterà progetti per il Bando sull’Accordo di Cooperazione Industriale, Scientifica e Tecnologica tra Italia e Israele. La decisione è stata presa oggi durante la riunione del Senato Accademico. 

"Il Senato Accademico dell’Università di Bari Aldo Moro dopo ampia discussione ribadisce il ripudio della guerra nel rispetto dell’articolo 11 della Costituzione della Repubblica Italiana - si legge in una nota del polo accademico - e, riaffermando il ruolo di Istituzione di formazione e di ricerca nella promozione della conoscenza, quale fondamento per la costruzione della Pace, rinnova con forza, anche alla luce della risoluzione Onu del 25 marzo 2024 e nel rispetto dei diritti civili e umani, la richiesta di cessare il fuoco per una pace giusta al fine di scongiurare l’ulteriore aggravarsi della situazione umanitaria in difesa delle popolazioni".

L'organo accademico ha anche deliberato che sarà parte attiva nelle consultazione della Commissione Europea sulle Tecnologie dual use in scadenza il prossimo 30 aprile 2024. Si è impegnato a promuovere azioni di supporto alle attività finalizzate alla costruzione della Pace e aderirà, nell’ambito delle azioni di cooperazione allo sviluppo, all’albo della Regione Puglia dei soggetti operatori di partenariato, di cooperazione internazionale e di promozione della cultura dei diritti umani in scadenza il prossimo 28 aprile 2024. Presenterà, inoltre, la candidatura dell’Università al Programma Unitwin/Unesco Chairs, alla Commissione Nazionale entro il 15 marzo 2025 in vista della presentazione ufficiale ad UNnesco con scadenza 30 Aprile 2025.

L'Ateneo, infine, ha deciso di sostenere la promozione di un Dottorato di Ricerca di Interesse Nazionale sui temi della pace e prevenzione dei conflitti.

"L’Università è per definizione luogo di dibattito e riflessione aperta alla collaborazione con studiosi e atenei di tutto il mondo - ha aggiunto il Rettore Stefano Bronzini - ispirandosi sempre ai principi di Pace sanciti dalla nostra Costituzione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uniba, il Senato Accademico: "Non presenteremo progetti per il bando di Cooperazione Italia-Israele"

BariToday è in caricamento