Cronaca

Roberto Straccia, al via l'autopsia. I genitori a Bari per l'addio

Nel pomeriggio gli esami che permetteranno il riconoscimento ufficiale e forniranno indicazioni sulle possibili cause del decesso. In mattinata i genitori sono tornati al Policlinico per l'ultimo saluto a Roberto

Mario e Rita Straccia lasciano il Policlinico di Bari

Si svolgeranno nel corso dell'intera giornata gli esami necroscopici che permetteranno il riconoscimento ufficiale dello studente marchigiano Roberto Straccia, scomparso a Pescara lo scorso 14 dicembre, e il cui corpo senza vita è stato rinvenuto sabato mattina sul lungomare di Palese. Oltre a fugare gli ormai pochi dubbi sull'identità del cadavere, autopsia e test del dna serviranno a fornire anche indicazioni utili sulle possibili circostanze della morte di Roberto, che restano ancora avvolte dal mistero.

Ad effettuare gli esami sarà il medico legale del Policlinico  Giancarlo Divella, affiancato da due consulenti di parte nominati dalla famiglia Straccia, Enrico Risso e Claudio Cacaci, i quali hanno raggiunto l'istituto di Medicina Legale del Policlinico nel corso della mattinata. E intorno alle 9.40 di questa mattina sono ritornati al Policlinico anche Mario e Rita Straccia, che hanno voluto dare l'ultimo saluto al figlio prima dell'inizio degli esami. La famiglia ha chiesto anche il conforto religioso del cappellano del Policlinico, don Umberto. I genitori di Roberto hanno poi lasciato l'edificio intorno alle 13.15 senza rilasciare alcuna dichiarazione, ma probabilmente si tratterranno a Bari fino a stasera per partecipare alla trasmisssione "Chi l'ha visto".

Dopo gli esami, che si concluderanno verosimilmente in giornata, il corpo di roberto potrà essere restituito alla famiglia, e farà ritorno a Moresco, paese d'origine degli Straccia, dove probabilmente sabato mattina saranno celebrati i funerali.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roberto Straccia, al via l'autopsia. I genitori a Bari per l'addio

BariToday è in caricamento