Giovedì, 29 Luglio 2021
Economia

Vertenza Bridgestone, Vendola: "Il tavolo tecnico non sia una strategia per prendere tempo"

Il presidente dela Regione: "Le trattative non siano un semplice escamotage per cercare di depotenziare provvisoriamente il conflitto sociale. Siamo sempre pronti al boicottaggio"

L'ultimo incontro al Ministero dello Sviluppo economico non ha convinto i sindacati, e ora tutta l'attenzione è puntata al prossimo vertice in programma il 16 aprile. Al tavolo romano la Bridgestone dovrà portare nuove proposte per il salvataggio dello stabilimento barese, oltre a quelle - produzione di pneumatici di bassa gamma o cessione - bocciate nell'ultimo incontro da istituzioni e rappresentanti dei lavori. L'impressione, soprattutto da parte dei sindacati, è che, dopo aver annunciato che la chiusura non era più "irrevocabile", l'azienda non abbia fatto nessuno sforzo concreto per cercare di salvare lo stabilimento.

Una prospettiva, quella di uno "stallo" delle trattative, che preoccupa anche le istituzioni. "Mi auguro - ha dichiarato oggi Vendola - che Bridgestone non consideri il Tavolo tecnico come un semplice escamotage per prendere tempo e per cercare di depotenziare provvisoriamente il conflitto sociale, politico e istituzionale che la decisione della chiusura dello stabilimento barese inevitabilmente produrrebbe". "La Puglia - ha sottolineato - è sempre pronta a mettere in campo la più spettacolare forma di protesta e boicottaggio internazionale che si sia mai vista, così come è sempre pronta a dare tutto il contributo necessario affinché possa essere positivamente risolta la situazione di criticità del nostro stabilimento".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vertenza Bridgestone, Vendola: "Il tavolo tecnico non sia una strategia per prendere tempo"

BariToday è in caricamento