Cisl: "Il sindacato oggi deve dare nuove risposte ai nuovi bisogni: attenzione ai giovani esclusi dal mercato del lavoro"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

"E' necessario più che mai un cambiamento anche strategico dell'azione sindacale, la Cisl cercherà di rafforzare sempre di più quello che è l'essenza del sindacato, vale a dire il ruolo della contrattazione. Per far questo cercheremo rafforzare le prime linee nei luoghi di lavoro, ossia le rappresentanze sindacali e le rappresentanze sindacali unitarie in termini formativi affinchè siano protagoniste della contrattazione nelle aziende, soprattutto dove si verifichino le grosse vertenze che purtroppo sono diventate il nostro pane quotidiano. Per quanto riguarda invece il territorio, intendiamo rafforzare i presidi della Cisl sull'intero territorio per definire quelle che sono le contrattazioni territoriali negli ambiti dove il sindacato opera, dalle politiche fiscali territoriali, alle politiche sociali, alle politiche sanitarie del territorio. Il sindacato oggi deve dare nuove risposte ai nuovi bisogni, quindi a quei segmenti trascurati dalla politica, come quello dei giovani, soprattutto quei giovani che sono fuori dal mercato del lavoro. Cercheremo di riadattare la struttura, affinchè si possa creare una rete di collegamento con questo grande bisogno, che è quello dei giovani, che è quello del lavoro che manca, ed è quello che deve essere l'obiettivo principale del sindacato del 21esimo secolo." Sono le parole del segretario generale Cisl di Bari Giuseppe Boccuzzi, in apertura della Conferenza Organizzativa Programmatica di questa mattina.

Sono intervenuti anche Giulio Colecchia- Segretario Generale USI CISL Puglia Basilicata e Giovanna Ventura - Segretario Confederale Cisl Al centro della discussione e del confronto di delegati e dirigenti, l'analisi del documento che regolerà la nuova organizzazione della Cisl e le proposte per un sindacato più trasparente, più snello ed ancora più radicato nei posti di lavoro e nei territori, all'altezza delle sfide del XXI secolo.

"Il documento alla base dei nostri incontri traccia le linee guida per l'avvio di un ampio dibattito che coinvolgerà non solo il gruppo dirigente ma tutti i nostri delegati nei posti di lavoro, le RSA-RSU, i pensionati, i nostri operatori politici ed i servizi", ha sottolineato il Segretario confederale organizzativo Cisl, Giovanna Ventura "Il nostro intento è quello di realizzare nei prossimi mesi fino a novembre occasioni di riflessione, scambi di opinioni, ascolto reciproco, con tutto il gruppo dirigente della Cisl. Dobbiamo ragionare insieme su come pensiamo di organizzare meglio il nostro sindacato che affonda le sue radici negli anni 50 ma si candida a guidare il movimento sindacale del XXI secolo. Il frutto del dibattito di questi mesi sarà portato poi a sintesi nella Conferenza Organizzativa e Programmatica del 16-19 novembre a Riccione e subito dopo, il Consiglio Generale della CISL tradurrà le proposte della Conferenza in decisioni, attraverso deliberazioni e modifiche al regolamento dello statuto".

Si tratta di "uno strumento innovativo - secondo il Segretario generale della Cisl di Puglia Basilicata, Giulio Colecchia - per meglio rispondere alle sfide che vengono dalle riforme di cui, nel sociale e nel lavoro, c'è bisogno, a partire dalla riforma del modello contrattuale, degli strumenti del mercato del lavoro e dei contratti, del sistema previdenziale e di quello fiscale, della pubblica amministrazione e della scuola, dell'università e della ricerca". Con le conferenze organizzative programmatiche in tutta la Puglia e l'Italia, contemporaneamente è partita la campagna social della Cisl che accompagnerà l'intera stagione di assemblee con l'hashtag #crescereperilfuturo

Un'organizzazione sindacale all'altezza delle sfide del XXI secolo. Questa si impegna ad essere la Cisl per il territorio.

Torna su
BariToday è in caricamento