rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Comunali Bari 2024

Il Movimento Cinque Stelle Bari presenta il protocollo per la legalità: "Sia firmato dai candidati alle Primarie"

Il documento arriva nei giorni in cui è in azione la Commissione d'accesso nominata dal Ministero dell'Interno per verificare se esistono le condizioni di uno scioglimento del Consiglio comunale barese per infiltrazioni mafiose

Un protocollo per da far firmare ai candidati sindaci e in corsa per le Primarie del centrosinistra (in programma il 7 aprile) per promuovere la legalità nell'amministrazione comunale e scongiurare comportamenti non virtuosi allontanando i rischi di voto di scambio: è quanto hanno presentato questa mattina in Comune, a Bari, gli esponenti del M5S a Palazzo di Città, Antonello Delle Fontane e Italo Carelli, nonchè in Municipio 2, Giuseppe Bondanese.

Il documento prevede azioni propedeutiche al voto e post elezioni. Nel primo elenco vi sono 3 punti: "Chiediamo - spiega il capogruppo M5S in Consiglio comunale, Delle Fontane - un impegno etico dei candidati, un vademecum per gli elettori a contrastare il voto di scambio e un impegno delle singole liste a una scelta etica dei rappresentanti di lista, figure spesso al centro della polemica e della problematica del voto di scambio".

Tra le azioni post voto, invece, troviamo altri 3 punti da osservare: "Chiediamo alle forze politiche - aggiunge Delle Fontane - di lavorare a degli aticorpi per la legalità. Un'incentivazione per l'utilizzo della segnalazione anonima ma poco utilizzata (whistleblowing) e un nuovo codice etico denominato Carta Adriatica. Chiediamo di lavorare insieme con il rispetto di alcune prerogative, ovvero specifiche sezioni sulle partecipate, adeguamento di genere, attenzione al problema del voto di scambio e al trasformismo politico".

Il documento arriva nei giorni in cui è in azione la Commissione d'accesso nominata dal Ministero dell'Interno per verificare se esistono le condizioni di uno scioglimento del Consiglio comunale barese per infiltrazioni mafiose. Una nomina che aveva provocato numerose discussioni politiche nei giorni scorsi: "Più che un atto di guerra nei confronti della città - dice Carelli citando le parole del sindaco Antonio Decaro in un'affollata conferenza stampa in Comune pochi giorni fa - a tuttti i baresi onesti che la mattina vanno a lavorare, non avedo un salario minimo, o che vanno alla Caritas a cercare quello che avevano il reddito di cittadinanza prima. Più e più volte anche in termpi non sospetti abbiamo presentato una serie di iniziative affinchè il Comune di Bari fosse il più legale e trasparente possibile. Siamo con la coscienza a postissimo. Aspettiamo gli esiti del lavoro della Commissione del Viminale e anche del Commissario che si sta occupando della gestioe dell'Amtab. E' un protocollo da firmare fin d'ora, Abbiamo accettato di partecipare alle primarie e dal momento che l'abbiamo fatto abbiamo messo un'impronta importante del M5S nell'organizzazione, Siamo stati partecipi in maniera attiva affinchè tutto possa avvenire in maniera onesta e trasparente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Movimento Cinque Stelle Bari presenta il protocollo per la legalità: "Sia firmato dai candidati alle Primarie"

BariToday è in caricamento