menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parabola discendente del coronavirus: "Solo due o tre focolai ben definiti". La Regione pensa al nuovo piano ospedaliero

Ad affermarlo è il capo del Dipartimento Salute della Regione Puglia, Vito Montanaro, durante l'audizione in commissione consiliare Sanità, in Consiglio regionale

"Non abbiamo elaborato formalmente un nuovo piano ospedaliero ma ci stiamo ragionando. Le valutazioni quotidiane con gli epidemiologi coordinati dal professor Lopalco vanno in questa direzione". Ad affermarlo, secondo quanto riporta l'Agenzia Dire, è il capo del Dipartimento Salute della Regione Puglia, Vito Montanaro, durante l'audizione in commissione consiliare Sanità, in Consiglio regionale. Montanaro spiega che i più di duemila posti letto covid creati dall'inzio dell'emergenza "si sono dimostrati sino piuttosto capienti", specificando che "i ricoverati sono circa 600" e che "meno di 60 pazienti si trovano in Terapia intensiva".

Il capo del Dipartimento aggiunge che "la destrutturazione inizierà progressivamente, a partire dalle strutture meno coinvolte in termini numerici come quelle della sanità privata accreditata mentre saranno mantenuti in attività solo alcuni ospedali, pronti ad affrontare qualsiasi effetto rebound dell'epidemia previsto per il prossimo autunno". Per la disattivazione della rete covid, inoltre, bisognerà attendere, dice Montanaro, "la parabola discendente della curva epidemiologica" che è già in corso al netto "degli ultimi giorni influenzati dai casi di due o tre cluster specifici e ben individuati". Per definire comunque la rete ospedaliera bisogna attendere che "il governo nazionale comunichi le fasi della conclusione del lockdown e quella successiva che interesserà il progressivo ritorno alle varie attivita' precedenti l'emergenza". Il piano ospedaliero sarà "organizzato attorno a tre o quattro ospedali dislocati nel territorio regionale che avranno reparti di Terapia intensiva, Malattie infettive e Pneumologia covid" e non interferira' "con i grandi ospedali come Policlinico di Bari o quello di Foggia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento