menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid, i giovani, le loro relazioni e i pericoli dello stress da isolamento: da Bari psicologi in live Instagram per parlarne

Le associazioni Restart e Dario Favia Lasciateci le ali lanciano sul popolare social network di Rubik, personaggio mascherato negli incontri tematici “per rimettere a posto i tasselli delle relazioni giovanili confuse dalla pandemia"

Sei dirette Instagram a cominciare da domenica 21 marzo (ore 19) per rivolgersi a un numero più ampio possibile di adolescenti e aprire un canale di ascolto e informazione. In un periodo senza scuola, senza attività sportive e ludiche, compiiti e uscite con gli amici, le associazioni Restart e Dario Favia Lasciateci le ali lanciano l’idea sul popolare social network di Rubik, un personaggio mascherato che richiama il cubo dalle facce colorate componibili e gli incontri tematici con psicologi professionisti “per rimettere a posto i tasselli delle relazioni giovanili confuse dal Covid”. Non è uno sportello di sostegno psicologico, ma una serie di incontri tematici con psicologi professionisti. Un’opportunità d condividere, libera e gratuita, che può risultare utile per ricucire gli strappi dovuti all’isolamento forzato causato dalla pandemia.

 “Siamo ragazze e ragazzi – riporta sul proprio profilo Restart - e siamo isolati, annoiati, arrabbiati. La pandemia ci mette alla prova e mischia le cose nella nostra mente, nessuno escluso. Ne usciremo, certo, ma come?! Parliamone con Rubik”. Salute mentale e stili di vita è il primo tema affrontato nel live su Instagram dove Rubik è personaggio col quale i ragazzi si potranno identificare, nonché la persona con cui parlare e fare domande in maniera impersonale. Non solo il mezzo del social network darà la possibilità anche di interagire con chi seguirà gli incontri che potrà a sua volta porre domane, fare considerazioni.

“L’obiettivo – spiega Donatella Loiacono, psicoterapeuta dell’età evolutiva e presidente dell’associazione Restart - è intercettare i bisogni e interagire coi ragazzi per offrire in questo periodo difficile e complicato un sostegno più qualificato dell’amico. Tutti siamo distanti, trovare una sponda e un minimo di aiuto può tornare utile in un periodo di isolamento nel quale è difficile la gestione della relazione con l’altro, sembra che tutti vogliano litigare tutti, tutti siano irritabili e sensibili. Sono i segnali della difficoltà a interagire, perché l’interazione dal vivo necessita poi di competenze a livello sociale che stiamo perdendo. L’unica cosa buona – aggiunge Loiacono – è che ora abbiamo un orizzonte, si vede la fine, ma i problemi di disturbi post traumatici da stress ci condizioneranno nell’immediato futuro”. Per connettersi con gli incontri seguire il profilo Instagram di @ReStart.promozione salute.

(foto archivio Ansa)

In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento