Attualità Mungivacca / Via Raffaele Bovio

Orto sociale in via Bovio, Effetto Terra incontra il Comune dopo le polemiche: "L'esperienza prosegue"

L'associazione accusata di "abusi edilizi" nell'allestimento di alcune strutture (tra cui il forno sociale) e destinataria di una revoca della gestione dell'appezzamento: il caso va verso la soluzione

Si va verso la soluzione del caso riguardante l'orto sociale Campagneros di via Bovio, tra i quartieri San Pasquale e Mungivacca, a seguito della presa di posizione dell'associazione Effetto Terra, animatrice di numerose iniziative partecipate nell'area anche grazie a numerosi bandi cittadini vinti, accusata di "abusi edilizi" nell'allestimento di alcune strutture (tra cui il forno sociale) e destinataria di una revoca della gestione dell'appezzamento.

Il gruppo, dopo una mobilitazione attraverso media e social, ha avuto un "proficuo incontro" con il Comune di Bari e il Municipio 2: "Si sono dimostrati aperti e disponibili - spiega Effetto Terra - a sostenere la lunga esperienza dell’orto sociale Campagneros risolvendo insieme le criticità sorte negli ultimi mesi.  Oggi abbiamo incontrato il direttore generale del Comune Davide Pellegrino, il capo di Gabinetto Vito Leccese e il sindaco Antonio Decaro collegato da remoto". 

"Nelle prossime settimane - rimarcano -  saremo a lavoro per avviare tutte le azioni utili a proseguire la nostra esperienza garantendo alla città la fruibilità dei luoghi.  Pertanto, siamo felici di avvisarvi che le manifestazioni di venerdì e sabato vengono annullate. Speriamo di poter presto festeggiare la nascita di un nuovo dialogo fra cittadinanza attiva ed istituzioni". L'associazione potrà mantenere la gestione, seppur smantellando le opere contestate. Nei prossimi giorni sono attesi ulteriori sviluppi. Annullate, intanto, le manifestazioni di protesta previste nei prossimi giorni.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orto sociale in via Bovio, Effetto Terra incontra il Comune dopo le polemiche: "L'esperienza prosegue"

BariToday è in caricamento