Lunedì, 14 Giugno 2021
Attualità

C'è il bando triennale per la gestione di Torre Quetta, Decaro: "Ci riappropriamo di una parte di Bari"

La concessione riguarderà anche le aree di parcheggio, il campo da beach volley, le zone gazebo e i chioschi dove saranno somministrati alimenti e bevande

Il Comune di Bari ha pubblicato il bando di gara per la concessione triennale riguardante aree, manufatti e servizi della spiaggia di Torre Quetta, sul lungomare sud. Si tratta di un atto importante che chiude il cerchio su anni difficili in cui la spiaggia vi sono state vicende giudiziarie che ne hanno impedito la fruizione al meglio.  

La concessione riguarderà anche le aree di parcheggio, il campo da beach volley, le zone gazebo e i chioschi dove saranno somministrati alimenti e bevande. In particolare, il Comune chiede, per la sosta auto, una tariffa di 3 euro per l'intera giornata e di 2 per la mezza (dalle 14 alle 21), nonché il pagamento di un euro per i motocicli, consentendo al concessionario di trattenere i relativi proventi;

Il gestore "dovrà assumere  - spiega Palazzo di Città - gli oneri connessi con la pulizia, la manutenzione (con esclusione della manutenzione degli impianti di elettrici), la custodia dell’intero compendio e dei bagni pubblici presenti, con esclusione della manutenzione dei pontili e della spiaggia in ciottoli, inoltre deve predisporre gli apprestamenti necessari a garantire la sicurezza della balneazione in conformità alle norme vigenti". L’aggiudicazione avverrà in favore del massimo rialzo percentuale sul canone a base di gara, pari ad € 35.483,37 per l’intera durata della concessione. Le domande dovranno essere presentate entro le 9 del 7 giugno prossimo.

“Torre Quetta così come abbiamo imparato a viverla e ad apprezzarla tornerà presto - commenta il sindaco Antonio Decaro -. A piccoli passi vogliamo riconquistare spazi e momenti di normalità per quando, finite le restrizioni, potremo tornare a vivere insieme. Torre Quetta è un simbolo per questa città: qui i baresi hanno riscoperto il nostro mare e imparato a vivere la nostra costa di giorno e di sera, ognuno a suo modo, e con i propri mezzi e tempi. Era una scommessa, quando abbiamo proposto il primo avviso di concessione e i baresi l’hanno vinta appieno. Per questo non ci siamo arresi davanti ai problemi e alle vicissitudini, perché il nostro obiettivo è consegnare questo spazio ai cittadini, alle famiglie, ai più giovani, a tutti quelli che scelgono Bari. Torre Quetta tonerà e sarà più bella e più forte di prima”.

“Voglio ringraziare gli uffici comunali per il lavoro fatto fino ad oggi – commenta l’assessora allo Sviluppo economico e al Mare Carla Palone -. In questi mesi ci siamo concentrati sulla definizione di tutte le procedure così da offrire agli operatori la possibilità di tornare ad investire sulla nostra costa. Stiamo ancora vivendo un momento difficile, la crisi economica determinata dalla pandemia ha messo a dura prova tantissime attività del nostro territorio ed è per questo che, per quanto possibile, stiamo cercando di proporre nuovi investimenti e occasioni di lavoro che possano far ripartire la città anche economicamente. Torre Quetta, inoltre, così come tutta la nostra costa, è un patrimonio per la città, che noi abbiamo il dovere di tutelare e valorizzare. Si apre così una nuova stagione per quella che, a tutti gli effetti, rappresenta la spiaggia che ha segnato, negli anni, l’inizio di un nuovo rapporto dei baresi con il mare”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

C'è il bando triennale per la gestione di Torre Quetta, Decaro: "Ci riappropriamo di una parte di Bari"

BariToday è in caricamento