Cronaca

Nel box auto un 'conservificio' abusivo, denunciato proprietario: confezionava polpa di riccio da rivendere ai ristoranti

Un locale condominiale ad Adelfia adibito a laboratorio, senza alcune autorizzazione e in precarie condizioni igieniche. Sequestrati anche oltre 2000 esemplari mal conservati

Il box auto condominiale trasformato in un 'conservificio' abusivo per lavorare la polpa di riccio da rivendere ai ristoranti. I militari della Guardia Costiera, nel corso di un controllo, hanno denunciato il proprietario e utilizzare del locale, ad Adelfia.

Introdottisi nel locale per procedere all’ispezione, i militari ne hanno constatato le evidenti precarie condizioni igienico-sanitarie, in cui avveniva la preparazione di vasetti in vetro per la vendita di polpa di riccio.

In contenitori di plastica erano detenuti circa 2000 esemplari di riccio di mare, in assenza della relativa e obbligatoria autorizzazione sanitaria, mentre all’interno di un congelatore a pozzetto non funzionante ed ossidato, con guarnizioni di chiusura non idonee, è stato rinvenuto altro prodotto ittico sprovvisto di qualsivoglia indicazione sulla provenienza.

Accertato quindi il cattivo stato di conservazione degli alimenti, si è proceduto al sequestro del locale e di tutte le sue attrezzature, mentre il magistrato di turno ha autorizzato il rigetto in mare dei ricci di mare, in quanto ancora vivi.

Il soggetto autore dei reati accertati ed utilizzatore/proprietario del box, che si dedicava a tale attività abusiva noncurante delle conseguenze a cui poteva andare incontro,  è stato denunciato a piede libero all’Autorità Giudiziaria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel box auto un 'conservificio' abusivo, denunciato proprietario: confezionava polpa di riccio da rivendere ai ristoranti

BariToday è in caricamento