Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca

Chirurgo plastico truffa la Asl, sotto sequestro il suo appartamento

Il professionista avrebbe compiuto visite mediche private in uno studio di Molfetta senza versare al Policlinico di Bari il dovuto per l'attività in regime di 'intramoenia allargata'. E' accusato di peculato e truffa

Avrebbe effettuato delle visite mediche in uno studio privato di Molfetta senza versare al Policlinico di Bari le somme dovute per l'esercizio dell'attività "intramoenia allargata" cui era stato autorizzato. Questa l'accusa rivolta ad un chirurgo plastico del Policlinico di Bari, cui i Carabinieri del Nas hanno sequestrato stamattina un appartamento del valore di 300.000 euro a Bitonto.

Il professionista, dirigente della clinica di Chirurgia plastica e ricostruttiva universitaria dell'ospedale barese, dovrà rispondere di peculato e di truffa aggravata al Servizio sanitario nazionale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chirurgo plastico truffa la Asl, sotto sequestro il suo appartamento

BariToday è in caricamento